Atletica News — 19 luglio 2014

martello uomini (qualificazione) – Per il capitano azzurro Nicola Vizzoni (Fiamme Gialle) raggiungere i 65 metri della qualificazione è un compitino facile facile. Il pluricampione italiano lancia, infatti, 71,35 migliore misura della giornata davanti a Simone Falloni (Aeronautica) 66,94 e al compagno di club Marco Lingua 66,67, tutti a segno al primo turno. In finale (domani alle 17) spazio anche per gli under 23 Marco Bortolato (Malignani Libertas) 62,89 e Patrizio Di Blasio (E.Servizi Futura Roma) 62,79.

400hs uomini (batterie) – Il miglior tempo arriva dalla prima batteria a firma dell’ancora 21enne Lorenzo Veroli (Enterprise Sport & Service) 51.12 su Giacomo Panizza (Fiamme Oro) 51.48. In seconda il capolista stagionale Leonardo Capotosti (Fiamme Gialle) controlla la situazione in un agevole 51.76, mentre in quella succeessiva progresso personale per il 20enne Lorenzo Vergani (Atl. Riccardi Milano) 51.55. Quarta batteria in 51.42 all’esperto Aramis Diaz (Atl. Riccardi Milano). Giornata no per il campione uscente Eusebio Haliti (Esercito) che si lancia subito al comando dell’ultima batteria, ma complice qualche incertezza sulle barriere, sul finale viene rimontato dall’under 23 Luca Giangravè (CUS Pisa Atl. Cascina) che lo supera 52.27 a 52.34. Un crono che lascia Haliti fuori dai giochi per la finale di domani (ore 19:40).

400hs donne (batterie) – La primatista italiana Yadisleidy Pedroso sceglie di non risparmiarsi e in batteria fa gara a sè chiudendo in 56.22. Terzo crono stagionale per l’ostacolista dell’Aeronautica che si è voluta testare in previsione del primo turno di qualificazione (13 agosto, ore 10:55) che l’attende ai prossimi Europei. Dietro di lei, intanto, stamattina è la volta di Francesca Doveri (Esercito) 59.65 e della campionessa under 23 Raphaela Lukudo (1:00.22). Finale domani alle 19:50.

giavellotto donne (qualificazione) – Un lancio soltanto per la tricolore uscente Sara Jemai(Esercito) 53,74, la promessa Roberta Molardi (Cremona Sportiva Atl. Arvedi) 50,29. Uno in più per l’azzurra Zahra Bani (Fiamme Azzurre) 49,51. Con queste misure le tre giavellottiste si assicurano l’accesso alle finale dove domani alle 20:20 si giocheranno la maglia di campionessa d’Italia. Ci sarà anche la primatista Allieve Ilaria Casarotto (Atl.Vicentina) oggi 47,24 in qualificazione.

triplo uomini (qualificazione) – Minimo sforzo per l’azzurro Fabrizio Schembri (Carabinieri). Un solo salto da 15,93 (+0.1) è più che sufficiente per l’ottavo classificato dei Mondiali di Mosca. Domani alle 20:00 tornerà in gara a caccia della conferma del titolo conquistato un anno fa a Milano. Tra i suoi avversari – fuori classifica salterà Daniele Greco – anche il campione under 23 Daniele Cavazzani (Studentesca CaRiRi), oggi atterrato a 15,84 (+0.6).

peso uomini (qualificazione) – Almeno in qualificazione “l’allievo” Daniele Secci non osa superare “il maestro” Paolo Dal Soglio che da diversi mesi lo assiste a livello tecnico. E così il 22enne delle Fiamme Gialle stamattina eguglia al centimetro il 17,59 del quasi 44enne dei Carabinieri. Terzo l’altro veterano della specialità Marco Dodoni (Forestale) 16,73. Finale stasera alle 20:30.

asta donne (qualificazione) – Un solo salto per Sonia Malavisi (Fiamme Gialle), uno in più per Roberta Bruni (Forestale). Per le due giovani astiste la misura alla fine è la stessa, 3,90 quanto basta per trovarsi di nuovo l’una di fronte all’altra domani alle 18:30. In palio stavolta ci sarà il titolo assoluto.

alto uomini (qualificazione) – 2,06 è la misura che basta per conoscere  i nomi dei 12 finalisti (su 22 atleti in gara) che domani torneranno a sfidarsi in pedana alle 18:30.

Dentro tutti i migliori compresi i gemelli Giulio (Fiamme Azzurre) e Nicola Ciotti (Carabinieri) e il primatista italiano under 23 Gianmarco Tamberi (Fiamme Gialle) che, però, stamattina è incappato in un errore a 2,03.

disco (decathlon) – Con 47,25 da 813 punti arriva il sorpasso di Michele Calvi che nei lanci trova sempre il suo asso nella manica. Cairoli non va oltre 34,07 (545 punti) e così finisce per perdere terreno in classifica. Dopo 7 prove: Calvi al comando con 5564 punti, Cairoli secondo 5326 su Marco Ribolzi 5133.

110hs (batterie) – Ruggito del vicecampione europeo indoor Paolo Dal Molin che rientra alle competizioni in grande stile. A Rovereto vola sulle barriere in 13.47 (+0.7), sesta prestazione italiana di sempre, la decima europea del 2014 e ovviamente un risultato che vale ampiamente lo standard di iscrizione (13.80) per la rassegna continentale di Zurigo (12-17 agosto). E siamo solo in batteria, dopo oltre quattro mesi (era l’8 marzo) dall’ultima uscita sui 60hs ai Mondiali Indoor di Sopot. Poi problemi fisici ne hanno ritardato l’atteso esordio stagionale outdoor. Sui 110hs l’ostacolista delle Fiamme Oro aveva finora al suo attivo un 13.64 datato 2012, ma era dal 28 settembre dello scorso anno che non si cimentava sulle barriere alte all’aperto. Una fugace apparizione (14.35, il suo unico risultato del 2013) in occasione della finale dei Societari Assoluti a Vicenza. Sul veloce rettilineo dello Stadio Quercia si migliora subito anche Hassane Fofana (Fiamme Oro), tricolore assoluto in carica che vince la sua batteria in 13.73 (+1.4). A segno anche il ventenne Lorenzo Perini (Aeronautica) davanti a tutti nel suo turno in 13.93 (-0.2). Si torna sui blocchi di partenza alle 18:45 per le semifinali, ore 20:15 la finale.

disco uomini (qualificazione) – Pura routine per i tre protagonisti annunciati del disco che risolvono tutti la qualificazione al primo lancio. La miglior misura è quella del capolista stagionale HannesKirchler (Carabinieri) 56,73 davanti a Federico Apolloni (Aeronautica) 56,05, Giovanni Faloci (Fiamme Gialle) 55,19 e al ventenne Martin Pilato (Atl. Ravenna) che sfiora il personale con 54,75. Finale domani alle 18:45.

triplo donne (qualificazione) – Hop-step-jump e Dariya Derkach (Aeronautica) salta in finale con 13,34 (+1.2) al primo ingresso in pedana. La vicecampionessa europea under 23 domani alle 18:15 si misurerà anche con la rientrante Eleonora D’Elicio (Fiamme Azzurre) 12,97 (+0.5), Silvia Cucchi (Fiamme Oro) 12,96 (+1.0) e Cecilia Pacchetti (Atl. Brescia 1950) 12,88 (+0.7).

110hs (decathlon) – Si riaccende subito il duello tra Michele Calvi e Simone Cairoli. Il reggiano dell’Esercito con 14.31 (+1.9) nei 110hs incassa 935 punti che lo riportano col fiato sul collo dell’avversario che sulle barriere non fa meglio di 15.00. Lo score dopo 6 prove (4-2 per Cairoli) vede sempre al comando il lombardo della Lecco Colombo Costruzioni con 4781 punti contro i 4751 di Calvi. Terzo Marco Ribolzi (Virtus CR Lucca), 4587 punti.

a.g.

TV – I Campionati Italiani Assoluti di Rovereto saranno trasmessi in diretta su RaiSport 2 secondo il seguente programma orario: sabato dalle 20:15 alle 22:45 e domenica dalle 19 alle 21:30 anche inSTREAMING al seguente LINK.

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>