Curiosita — 20 ottobre 2009

Gentili lettori e visitatori di Podistidoc, volevo portare a conoscenza un episodio a dir poco entusiasmante, ( preciso che non sono un bravo scrittore ) ma in questo momento sono guidato dal cuore e spero di interpretare nel modo giusto il concetto ” correre con il cuore ” , si avete capito benissimo correre con il cuore e sconnettere tutti gli altri organi che ragionano in modo razionale, come ha fatto il nostro compagno di squadra Antonio Di Zazzo dell Aprocis Runners Team di Cassino nella maratona di Amsterdam. Infatti Antonio Di Zazzo ancora non completamente ristabilito da infortuni, decide di andare ad Amsterdam come turista, ( visto che le spese erano tutte già pagate ) ma vivendo l’atmosfera della città preparata a festa, dallo stadio olimpico e dal marathon village non ha resistito al richiamo della passione, ha ritirato tutto il materiale maratona, e la Domenica mattina si è incanalato nella griglia di partenza all’interno dello stadio olimpico di Amsterdam alternando cammino e corsa ha concluso la maratona 33′ prima del tempo limite cioè in 6:27:28. e notizia ancora più confortante senza dolori . Con questo non voglio assolutamente dire agli Atleti di correre con infortuni ma voglio lanciare messaggi di forza, coraggio, spirito di sccrfifici e sofferenze, di non aver paura, di non fare i bamboccioni cacasotti, questo sport non è per bamboccioni fifoni questo sport è per gente che si sacrifica come Di Zazzo e molti altri Atleti che danno esempio di forza soprattutto mentale coraggio e positività. Grazie Antonio spero che molti giovani leggano questo messaggio !!!!

Autore: Antonio Di Manno

Share

About Author

Peluso

  • antonio di zazzo – aprocis runners team cassino

    Ringrazio l’amico Antonio Di Manno per le bellissime parole che mi ha dedicato … forse ha esagerato ad additarmi come esempio per i giovani, i quali spero abbiano modelli migliori, quello che posso dire è che ho fatto della pratica sportiva uno stile di vita e che, alternandola anche con altri sport come calcio, ciclismo e tennis, ho praticato l’atletica da 35 anni, perciò vorrei solo precisare che bisogna correre con la testa, sapendosi gestire al meglio e senza mai mettere a repentaglio la propria salute, nella consapevolezza che comunque il nostro meraviglioso sport va affrontato con carattere e detrminazione, capacità di soffrire e abnegazione, e soprattutto evitando qualsiasi “aiutino” che potrebbe ucciderci. Lo sport va praticato per stare meglio, non per farsi del male! Un abbraccio ad Antonio Di Manno e a tutti i miei meravigliosi compagni dell’Aprocis, e un pensiero speciale al nostro presidente Antoine che è davvero speciale per noi … E’ anche grazie a lui se sono andato in tante città del mondo a correre e non solo!

  • Luciano D’Alessandro – Aprocis runners team Cassin

    Apprezzo molto Antonio Di Manno per gli amici ZACCHEO che anche quando si cimenta con la scrittura lo fa senza mezze misure, posso dire con sincerita’ di condividere in pieno le cose che ha detto sul nostro amico Antonio Di Zazzo, confermando che 42 Km si possono correre solo con la testa senza nessuna preparazione,solo con una grande forza di volonta’,pero’ devo aggiungere a mio giudizio una cosa importante cioe’ che Antonio pratica l’atletica da 35 anni quindi conosce bene gli effetti che possono prodursi al 36° KM se non conosci bene i tuoi limiti. Con cio’ voglio sottolineare che questo sport e’fatto di tanta fatica e coraggio,ma anche di tanta testa nella preparazione specialmente per i giovani che vogliono avvicinarsi a questa straordinaria avventura che e’ la maratona. Voglio in ultimo fare un ringraziamento a “ZACCHEO” che grazie al suo incitamento notturno(dormivamo nella stessa camera ad Amsterdam) a correre col cuore senza cronometro mi ha permesso di migliorarmi di 5’40” (3:22:57 Amsterdam)rispetto all’ultima maratona di Barcellona. Grazie ai 3 Antonio che mi hanno permesso di stare insieme a loro e trascorrere 3 giorni fitti di grandi emozioni.

  • APROCIS RUNNERS TEAM CASSINO

    Ragazzi i complimenti che si ricevono fanno sempre piacere, e ci aiutano a perseguire nei nostri obiettivi, però il vostro caro presidente vi ricorda anche che gli obiettivi e le imprese programmate non si raggiungono solo con i complimenti, ma bensi con tanto spirito di sacrificio e ancora di più con una grande passione, senza quest’ultima si raggiunge difficilmente il tetto della piramide. adesso vi voglio di nuovo tutti al lavoro, la stagione non e ancora chiusa, e il 2010 si annuncia laborioso per tutti anche a causa dei nuovi challange in perspettiva. Come diceva DARTAGNAN il famoso moschettiere, UN POUR TOUS, TOUS POUR UN, il Presidente vuole dei guerrieri non delle mezze S.!!!!

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>