Alimentazione — 11 dicembre 2009

L’esercizio aerobico regolare di intensità da media a moderata, influenza profondamente la capacità di ossidazione dei grassi a catena lunga, soprattutto dei trigliceridi conservati nel muscolo attivo. [1,2,3].
Tale adattamento, derivato dall’allenamento, permette all’atleta di endurance di poter lavorare a valori più elevati di esercizio submassimale prima di risentire gli effetti della fatica (dovuti alla deplezione delle riserve di glicogeno), rispetto ad una persona non allenata.
L’aumentata ossidazione dei grassi che avviene in questa tipologia di atleti, non può comunque competere con i livelli metabolici che si sviluppano con l’ossidazione di glicogeno ai fini energetici [4].
Attualmente è in atto un dibattito sull’opportunità di mantenere una dieta ad elevato contenuto lipidico in fase di allenamenti a gare di ultraendurance in modo tale da incentivare le capacità dell’organismo a mobilizzare e catabolizzare i grassi durante una prova ad alta intensità, al fine di risparmiare le riserve di glicogeno e favorire un miglioramento della capacità di endurance.
Diversi studi condotti a riguardo [5,6] hanno comunque smentito questa teoria, sostenendo che una dieta prevalentemente a base di carboidrati si rivela più efficace nel migliorare la capacità di endurance; inoltre diete ad alto contenuto lipidico non solo non dimostrano benefici consistenti, ma devono essere attentamente considerate dal punto di vista dei rischi per la salute, in particolare quelli inerenti le patologie cardiache.
Esistono anche altre correnti di pensiero, le quali sostengono che un allenamento svolto in condizione di  digiuno o deplezione di glicogeno, seguito da una dieta equilibrata prevalentemente a base di carboidrati, possa favorire il risparmio del glicogeno durante la gara.
Per smentire questa tesi e approfondire l’ argomento è necessario fare un riferimento alla biochimica, in particolare al ciclo di Krebs (il mulino metabolico) fig 1, da cui si evidenzia come i composti oorganici derivati dal catabolismo dei carboidrati grassi e proteine forniscono energia  sotto forma di ATP.

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>