TuttoCampania — 06 gennaio 2010

Acerra.– Sulle strade di Acerra è andato in scena il primo appuntamento del calendario podistico della stagione agonistica 2010. La città della Provincia di Napoli, Medaglia d’oro per merito civile per atto di abnegazione durante il primo e secondo conflitto mondiale ed anche famosa per la maschera di ‘Pulcinella’ inventata nel lontano 15esimo secolo. Sulle strade di Acerra si è disputata la XXI edizione della classica  corsa  del ‘Trofeo della Befana’. La gara podistica regionale è stata organizzata dalla società Lib.88 Acerra del Presidente Giovanni Zito che si è avvalso del patrocinio del Comune di Acerra e di vari  sponsor. La manifestazione podistica è stata controllata dal Giudice di Gara della Fidal . Ai nastri di partenza circa  1350 atleti delle categorie Assoluti-Amatori/Master che si sono sfidati  sulle strade periferiche e del centro di Acerra sulla distanza di 12 Km. Sulla linea del traguardo, posto in Piazzale dei Martiri di Acerra, il folto pubblico ha assistito al trionfale arrivo del mezzofondista marrocchino Abdelkebir Lamachi(Montemiletto Team Runners) che con il crono di 35’56’ ha preceduto in volata il suo compagno di team, il partenopeo  Gianluca Ricci che ha messo il sigillo sul tempo  di 35’58’. Al terzo posto ufficialmente si è classificato il salernitano Antonello Barretta(Isaura)che con il tempo di 37’47’ ha preceduto il marocchino Abdeloouhab El Mouaddine(Atl. Striano Marathon)con il tempo di 38’04’. Al quinto e sesto posto all’arrivo si sono classificati rispettivamente Romualdo Barbato(Marathon Club Frattese)con 38’33’ e Giuseppe Soprano(Montemiletto Team Runners)con il tempo di 38’34’. In settima ed ottava posizione si sono classificati nell’ordine Enrico Signorelli(Amatori Vesuvio) con 38’56’ ed Antonio Farina(Atl. Capua)con il tempo 38’58’. Al nono e decimo posto si sono piazzati rispettivamente Alfonso Ruocco(Isaura) con   39’01’ ed Angelo Cioffi(Amici del Podismo Maddaloni) che impiega 39’06’.  In campo femminile  si è registrato ancora una  bella  affermazione della mezzofondista marocchina Meryem Lamachi(Montemiletto Team Runners)che con il crono di 42’14’ precede ufficialmente al traguardo la pompeiana Annamaria Vanacore(Centro Ester)con il tempo di 44’03’. Al terzo e quarto posto si sono classificati rispettivamente Maria Pericotti(Montemiletto Team Runners)con 44’49’ ed Ania Paniak(Antares Stabia)che ottiene il tempo di 46’44’. In  quinta e sesta posizione  giungono al traguardo rispettivamente la napoletana Carmela Febbraio(Stufe di Nerone)con 47’28’ e la vesuviana Filippa Oliva (Napoli Nord Marathon)che consegue il tempo di 49’15’.

Autore: Enzo Miceli

Share

About Author

Peluso

  • tina franzese maraton club frattese

    la gara d acerra?una delusione preannunciata………ma dico io ,se a stento si riesce ad organizzare una gara di 800 atleti,figuriamoci il doppio………allora sommiamo un po di cose:6.00 euro il pettorale e un pacco gara contenente una merendina,una bottiglina d acqua,un succo e un paio d calzini………….poi su 1500 premiati i primi 6 maschi e udite udite solo e sottolineo solo le prime 3 donne sul podio…..il resto?un misero zainetto,senza fare nessuna distinzione dalla quarta all ultima……..nn è affatto una barzelletta anke se a me viene da ridere……..molto umilmente mi permetto di dire all organizzazione ke se nn si è in grado d fare gare con cosi tanti atleti,xke itestardirsi a farle?è l ennesima presa x i fondelli a noi amatori!!!e ki invece organizza gare simili nn fa affatto una gran bella figura!!

  • pasquale soprano

    Lamachi e un atleta della atletica capua e un ex della M.T.R

  • lorenzo vanacore aspd runner’s villa di briano

    copio e quoto quanto affermato da tina io l’anno scorso ho organizzato una gara podistica amatoriale alla fien di agosto senza soldi per l’iscrizione e ci siamo permessi il lusso di dare un romborso spese alle prime 3 società ai primi 3 maschi e femmine cesti di ottima fattura e dal 4 al 22° i completini da gara della zeus il ristoro in 3 punti e il pacco gara di gran lunga superiore a quello ricevuto oggi —– mi permetto di preannunciarvi che rifaremo la gara il 4 luglio in collaborazione con lo csain a presto avrete ns notizie sul banner di podistidoc

  • Sorbino GiuseppinaIl Laghetto

    Organizzazione scadente ed approssimativa,Noi Ultimi abbiamo corso tra lo smog ed il trafficone nonostante le proteste nessuno ci ha degnato di risposta.Allora anche io dico 1350 iscritti 6Euro il pettorale ,ditemi se questo non è un affare???????????????Per avere in cambio cosa?Neanche la sicurezza per la propria incolumità!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Peppe Briglia PODISTICA CASORIA

    . . . . .E neanche il chip . . . .

  • alfonso raffone, erco sport

    Cara Tina sono d’accordo con te!!! è stato rifiutata la proposta di tassare le gare di 1 euro ma in realtà è stata raggirata la cosa facendo pagare le gare 6 euro. Per avere che cosa? nessuna soddisfazione per chi cerca dii migliorarsi nelle prestazioni!! e poi tante altre cose che non vanno!! Una truffa ricevuta da chi organizza una gara del genere!!

  • joy of running mario esposito

    una vera delusione la gara di acerra un caos totale non andro +

  • mautone gruppo silma

    Poteva essere migliore, il percorso ottimo tra le campagne,però con 6 euro di iscrizione si poteva offrire di piu a tutti gli atleti.A me di sesso maschile mi sono toccate le calze,una bottiglietta di acqua,una merendina,dico,miglioratela sotto questo aspetto,offrite di piu invogliate a dire :ad acerra ce un bel pacco gara corriamo a fare la gara.

  • CANTIELLO MASSIMO Atletica capua

    copio e confermo il messaggio di Pasquale Soprano cioè che Lamashi è un atleta dell’asd ATLETICA CAPUA grazie

  • enzo petrone -antares stabia-

    una vera delusione,hanno pensato più alla quantità che la qualità,premi super miseri e organizzazione super scadente.MAI PIU’.

  • Luigi Merola -atleticacapua-

    Incassare oltre ottomilaeuro, ed offrire uno spettacolo organizzativo, iniziando dai parcheggi, cosi scadente veramente è scandaloso. Non parlando poi della misera bottiglina di acqua con la bustina di zucchero, dopo aver versato sei euro.

  • Francesco Viscovo asd amatori vesuvio

    non ho partecipato alla gara ma immagino il disagio dei colleghi runners….il vostro disaccordo deve essere manifestato con i fatti..nn iscrivetevi l’anno prossimo…io nn lo farò anke se quest’anno nn ho partecipato per impegni di lavoro…

  • Giorgio Torella Pozzuoli Marathon

    Ancora una volta non sono stato smentito…..magra consolazione!!!! L’avevo anticipato il giorno prima della gara con i commenti all’articolo di Marco Cascone. L’unica cosa da fare è non iscriversi più a queste gare che ci offendo e gareggiare soltanto in competizioni, tutte o pochissime eccezioni non in Campania, che siano organizzate in maniera seria e soprattutto decorosa per tutti dal top runner all’ultimo arrivato .

  • tina franzese maraton club frattese

    ho appensa letto la classifica di acerra e vorrei far notare una”piccola inesattezza”il pettorale 107 è indossato da un uomo,ma guarda caso sulla classifica c è il nome d una donna SCOGNAMIGLIO ADRIANA ke io conosco molto bene e infatti nn c era ad acerra,voglio sperare ke sia stato un errore e nn altro.Scusate ancora la mia invadenza ma io sono x la totale trasparenza in tt i casi.

  • Michele Cupito ASD ROAD RUNNERS MADDALONI

    Mancavo da tanto tempo, forse troppo,da partecipazione a gare ,ma uno spettacolo cosi’ indecoroso non lo ricordavo affatto!!!!!Parcheggi insufficienti,partenza autogestita,segnalazione chilometrica mal visibile ,rifornimento acqua inadeguato ,arrivo senza nemmeno una bottiglietta d’acqua ,pacco gara inqualificabile (sono uomo e le calze mi stanno davvero bene),deflusso dall’area gara difficoltoso.Ora vi chiedo qual’e’ il limite goliardico di fare numeri sempre piu’ grandi ?Non scrivo per me che sono un “amatoriale” e che di rado frequento le gare podistiche ,ma per coloro i quali settimanalmente sono presenti alla linea di partenza ai quali la domenica piace essere coccolati da un organizzazione perlomeno sufficiente……M i l l e c i n q u e c e n t o v o l t e da rivedere TUTTO!!!!!

  • Paolo Ottaiano Neapolis Vesevo

    ACERRA. Fortunatamente era sola una gara REGIONALE .
    Io credo che ogni organizzazione deve limitare le iscrizioni in base al proprio staff organizzativa. Inutile pensare di raddoppiare le iscrizioni ( grazie a qualche gara che viene annullata) per poi cadere nella trappola delle imperfezioni. Pagare 6

  • Peppe Briglia PODISTICA CASORIA

    x l’amatore migliorare decine di secondi dopo settimane di tabelle di esperti e del fai da te, e non potersi rapportare con il crono con chi ti precede e chi ti segue e’ sconsolante.Ritirare sommariamente dopo una decina di metri dall’arrivo il tagliandino del pettorale e’ stato alquanto superficiale. Speriamo che l’anno prossimo. . . . . . .

  • GIROLAMO CANCIELLO (AMATORI ATLETICA FRATTESE)

    Sono pienamente daccordo con i commenti che mi hanno preceduto,ma e pur vero che l’amatore quando sa che sono gia iscritti piu di mille persone comunque si iscrive per partecipare all’evento,tante volte se si chiude l’iscrizione prima alcune squadre si offendono per non essere state annoverate alla gara,poi quando si verificano disagi prevedibilissimi durante le gare tutti a lamentarsi,vi posso garantire che organizzare una gara si va incontro a tantissime insidie,la prima e’ quella del lamentio dell’atleta,pertanto chiedo a tutti di fare un passo indietro razionalizzando quelle che sono le buone regole per far si che un’evento possa passare inosservato per malcostume e male organizzato,e vero l’amatoriale trova il gusto di vivere una mattinata all’insegna della spienseratezza e della cultura sportiva ma e pur vero che chi fa sacrifici per organizzare un evento sportivo debba avere la collaborazione non solo di tutta la societa’organizzatrice ma soprattutto di chi ci partecipa con passione e con amore senza mai guardare o giudicare il cestino che gli venga consegnato perche il cestino e solo formalita’di cui non vale la pena soffermarsi,cerchiamo un po tutti insieme di costruire un futuro migliore sulle prossime gare avvalendoci della cultura del divertimento e dei sani valori sportivi.
    La cosa tanto importante e’ sicuramente la viabilita’dove deve essere la priorita’su tutti i percorsi cittadini per l’incolumita’dei partecipanti e proprio su questo aspetto che bisogna lavorare interagendo con tutte le forze politiche affinche’diano un forte contributo a chi si impegna fortemente ad organizzare eventi importanti ed aggregativi nella propria citta’.
    Cordiali ed affettuosi saluti a tutti.

    Girolamo Canciello AMATORI ATLETICA FRATTESE

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>