Cronaca — 01 ottobre 2009

Giunto alla sua ventesima edizione,  frutto della inossidabile passione di Matteo Reitano, si è corso sabato  pomeriggio ad Acicatena il ‘Trofeo Santi Cosma e Damiano‘, manifestazione podistica tra le più antiche e gloriose dell’isola, con atleti di livello assoluto che hanno tagliato orgogliosi e vincenti il traguardo di piano Consolazione.
Quest’anno il buon Matteo ha voluto coinvolgere la nostra Jonia Giarre e chi scrive in una organizzazione partita da prima dell’estate e diventata sforzo quotidiano nelle ultime settimane. Ma tanto lavoro ha dato veramente i frutti sperati con una start list di tutto rispetto di atleti assoluti e la solita partecipazione degli inossidabili amatori masters provenienti da tutta la provincia. E malgrado la fatica di un percorso avvincente ma veramente duro con quello strappo finale del circuito da ripetere ben sette volte, tutti gli atleti hanno onorato l’impegno,  cercando di centrare le posizioni da podio sia assolute che di categoria.
Come detto start list assoluta di prima scelta con gli atleti Alessandro Brancato, Enrico Pafumi,  Alfio Scalisi,  Antonio Recupero,  Marco Alberti, Abdellah Boufiss (vincitore uscente assoluti), Dario Barbera e Giovanni Cavallo, contornati da brillanti masters amatori del calibro di Santo Vazzano (vincitore 2008 amatori), Mario Bonaccorso, Giuseppe Pulvirenti, Salvatore Sessa e Giuseppe Mazziotta, più la giovani promesse Simone Canino e Giuseppe Privitera, ed infine lo juniores di Biancavilla Giuseppe De Luca.


Prima serie dominata dalla atleta catanese Clara Lombardo (Genesis Catania,  22’48” su 4 giri) che ha preceduto tutti i veterani over 55; seconda delle donne  Maria Grazia Vacirca (Pol.Marathon Biancavilla, 24’00”); terza  Silvia Liberto (Genesis Catania, 24’36”).


Ed eccoci a raccontare la batteria principale, con i nostri a percorrere come detto ben sette giri del percorso a rettangolo inclinato tra la parte più alta a  quella inferiore del centro storico catenoto fino al piano Umberto ed alla chiesa matrice, poi ritorno con la erta salita di via Consolazione che regalava un traguardo davvero difficile da raggiungere e dopo sette volte lo sforzo profuso da tutti gli atleti è stato veramente pesante.


Fin dal primo giro il giovane lentinese Alessandro Brancato, classe 1988,  cercando la seconda vittoria personale  dopo la edizione del 2006,  strigliava i favoriti e provocava una selezione che definiva  le posizioni di gerarchia tra gli atleti. Rimaneva  un pò attardato il campione marocchino Abdellah Boufiss, peraltro in non perfette condizioni data una preparazione rallentata da vari problemi personali e dal ramadan che impone ai musulmani una alimentazione limitata.  Dietro il leader della corsa  rimaneva a ritentare il riaggancio il bravo atleta belpassese Alfio Scalisi, ma il campione regionale su pista non poteva oggi fare di più dato lo straordinario stato di forma di Brancato. Poco dietro Scalisi una gradevole sorpresa, l’atleta di casa Marco Alberti: il maratoneta  ci teneva a fare bella figura tenendo a bada gli atleti alle sue spalle sin dai primi giri; in effetti Alberti ha sofferto meno degli altri la fatica  malgrado un percorso non certo adatto alle sue caratteristiche.


Giro dopo giro, con le posizioni abbastanza delineate, si arrivava al settimo e conclusivo traguardo con la vittoria di Alessandro Brancato (Sprinteam Catania, 32’26”) che precedeva di poco più di un minuto Alfio Scalisi (C.O. Maratona di Palermo, 33’32”)  che resisteva al ritorno del terzo arrivato  Marco Alberti (C.O. Maratona di Palermo, 33’41”).  A seguire il taorminese Dario Barbera (Indomita Torregrotta, 34’17”); Abdellah Boufiss (C.O. Maratona di Palermo, 34’39”); Giovanni Cavallo (Sprinteam Catania, 35’08”); Antonio Recupero (C.O. Maratona di Palermo, 35’33). Primo degli atleti amatori e vincitore del ‘Memorial Lo Castro’ ad essi riservato il catanese Mario Bonaccorso (Pol. Tremestieri Etneo, 35’52”) .


‘Ci ho messo tanta rabbia in questa gara’ ci dice Brancato, ‘anche perché mi aspettavo un convocazione in nazionale che non è arrivata malgrado io abbia tempi migliori dei prescelti. Spero che ci si accorga presto di me in alto, nel frattempo mi preparo al meglio per le prove di stagione’ .


Facciamo i complimenti a Brancato, che ricordiamo campione italiano di mezza maratona con un primato di 1.08”, e li facciamo anche a Matteo Reitano che ha voluto fortissimamente riportare ad Acicatena una manifestazione podistica di prestigio, augurandogli di avere la possibilità di fare diventare presto questo Trofeo SS. Cosma e Damiano una prova da calendario nazionale. La Jonia Giarre gli sarà ancora sicuramente vicina.

Autore: Raimondo Lizzio

Share

About Author

Peluso

  • Massimo Gionta ASD Atletica Venafro

    Complimenti Ale!!! Te l’avevo detto che la partecipazione al “San Nicandro” ti avrebbe portato fortuna…..è un santo molto potente! e poi San Cosma e Damiano sono i miei protettori fin da quando ero piccolo! Ciao.

  • Alessandro Brancato,SPRINTEAM CT

    Grazie Max…come dice l’articolo,ho corso con tanta rabbia,perche’ancora non riesco a credere che alla Fidal dei miei sacrifici non importi un fico secco…una maglia azzurra era uno stimolo fortissimo per me che ho trascorso tutto il 2008 infortunato sognando di ritornare a correre e adesso che ci sono riuscito,stringendo i denti e battagliando agli italiani di mezzamaratona a Ravenna arrivando quarto con soltanto 5 mesi di allenamento e a pochi secondi dalla vittoria beh…mi sento tradito e deluso,soprattutto perche’adesso sto molto bene sia mentalmente che fisicamente.Ma che ci vuoi fare:i”geni”che fanno le convocazioni sono sempre loro ed io non posso far altro che rimboccarmi le maniche e preparare le qualificazioni per gli europei di cross di Novembre…

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>