Cronaca — 15 novembre 2010

Riva del Garda (TN), 14 novembre 2010 – Parla ancora straniero la nona edizione della Mezza Maratona disputatasi questa mattina nel Garda trentino, partenza ed arrivo a Riva del Garda dopo i classici 21.097 che da Riva del Garda hanno portato i 2.750 runners regolarmente partiti prima verso nord, in direzione di Arco, quindi a sud fino a Torbole sul Garda, infine nuovamente verso ovest e il traguardo finale nella città perla del lago di Garda, per la precisione in Piazza Tre Novembre. Lo start, invece, come location era stata la vicina Piazza Garibaldi.


 


Gara che da subito ha visto un quintetto andare al comando: il marocchino Mokraji, i due keniani Kipgurgat e Rugut, il ruandese Ntirenganya e l’azzurro Giuliano Battocletti. Fino al 5° km dopo circa 13 minuti e mezzo di gara il gruppo procedeva compatto, con la marocchina Hanane dietro di 500 metri, capace dunque di tenere il ritmo dei più forti atleti maschi. Rugut al 4° rallentava un po’ non volendo scappare subito, ma all’ottavo chilometro il primo cedimento sarà del marocchino Mokraji e poi dell’azzurro Battocletti. I keniani attaccano poco dopo metà gara, al cartello dell’undicesimo chilometro e di lì in poi non ci sarà storia. La Hanane cede il ritmo dei maschi ma non molla e fa gara a sé, lo testimoniano i 5 minuti di distacco che infliggerà a Michela Zanatta, poi seconda al traguardo davanti alla locale Federica Ballerini.


 


Rugut regola nel finale il connazionale Kipgurgat staccandolo di 26 secondi, poi arrivano il ruandese Ntirenganya, il marocchino Mokraji e Battocletti sarà buon ottavo. <Nessun problema – ha detto il vincitore – gara bellissima e impegnativa>. Mokraji ottimo quarto rivela: <siamo partiti con un ritmo altissimo, impossibile nella seconda metà gara stare dietro a loro due. Sono comunque soddisfatto>. Battocletti anche, nonostante la sua stagione sportiva abbia risentito del fatto che <corro per una società che da due anni non paga gli stipendi – dichiara – ringrazio la ditta di Ton Tuttedil che mi ha dato un lavoro per vivere. Chiaro che così non ho potuto allenarmi come volevo. Ora desidero chiudere la mia carriera con una società trentina, poi mi piacerebbe dedicarmi ai giovani che amano correre a piedi.> Per la Hanane è stata una corsa in solitaria: <sì, è vero, ma se nel finale non ci fossero tutte quelle curve avrei potuto scendere sotto l’ora a 13. Per la prima volta che corro qui, però, va bene così.>


 


Classifica maschile: 1. Mathew Rugut (Ken, A.S.D. Farnese Vini)) 1.04.07, 2. Julius Kipgurgat (Ken, Toscana Atletica) 1.04.33, 3. Felix Ntirenganya (Rwa, Atletica Futura A.S.D.) 1.04.46;


Donne: 1. Hanane Janat (Mar, Fondiaria Sai Atletica) 1.14.10, 2. Michela Zanatta (Ita, Atletica ASI Veneto), 1.19.22, 3. Federica Ballarini (Ita, S.A. Valchiese) 1.19.37.

Autore: Claudio Chiarani

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>