Cronaca slide — 16 luglio 2018

ferrandina 2018Bella e coinvolgente la Straferrandina. Bella per il suo modo di proporsi, per lo spettacolo che offre, per l’ottima organizzazione in tutti i settori operativi. Coinvolgente perché il pubblico è sempre presente in massa, perché il circuito (per quanto impegnativo) prevede due passaggi in piazza, più l’arrivo: cosa che esalta ogni momento della gara.

E della gara ora vengo a dirvi, sottolineando la gara tutta kenia per le prime tre posizioni maschili (vittoria poi andata a Philemon Kipchumba, sul piede dei 3’06” a km, sui 10.540 mt del tracciato). Classifica Italiana che parte dalla quarta posizione assoluta, con Giovanni Auciello sempre capace di fare la differenza (34’47” per lui), con Francesco Minerva a seguire, e Giorgio Nigro sul terzo gradino del podio tricolore.

Gara femminile più avvincente, anche se Selinajh kamgogo comunque solitaria alla vittoria, ma gran bella prova per Palma de Leo alle sue spalle, e lotta per le posizioni a seguire: con Maddalena Carrino (Pianeta Sport Massafra) capace di fare suo il terzo gradino assoluto del podio, con Maria Antonietta Amatulli (Montedoro Noci) e Alessandra Ambrosio (Amatori Atl. Napoli) in quarta e quinta piazza.

Classifica speciale a squadra andata ai lucani Free Runners.

E’ stata una gran bella ottava edizione della Straferradina. La Podistica Ferrandina c isa fare e, soprattutto, sa emozionare.

marco cascone ferrandinaMarco Cascone

Vieni sul mio blog.  https://marco-cascone.tumblr.com/

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>