Cronaca — 01 ottobre 2007

Tutti mi hanno da sempre parlato benissimo della ‘CorriManfredonia‘. Dopo molti inviti ricevuti nelle precedenti edizioni, ma mai potuti accettare per precedenti impegni, quest’anno finalmente ho potuto presentare la gara di Giovanni Cotugno ed il suo Team e, devo dire, tutto quello che di bello si diceva in giro di questo evento è stato confermato dai fatti! Manfredonia si è fermata per vivere, godersi la gara. Uno scenario spettacolare: partenza e arrivo sul lungomare. Percorso curato nei particolari. Premi numerosissimi e di assoluto valore, coreografia di prim’ordine, impianto audio da Festival Bar, record di partecipanti, atleti di calibro assoluto al via.


Per non parlare del piacere di condividere l’albergo con i tanti atleti invitati e di fare colazione con il grande Angelo Carosi: ascoltarlo è stato un piacere. Rivivere con lui i 4 mondiali che lo hanno visto protagonista, l’Olimpiade di Atlanta, il suo argento agli Europei e, purtroppo, i suoi tanti infortuni che hanno caratterizzato il suo cammino e condizionato in parte i suoi risultati: il tutto nell’amata specialità, i 3000 siepi.


La gara.


Giornata di sole favolosa, tale da permettere a molti di fare il bagno sulla spiaggia retrostante il palco della premiazione. Partenza velocissima, come si addice e come da tradizione per Antonello Petrei. Passaggio al 3.000 in 8’45’ e poco spazio per il tentativo degli avversari di restare in scia. Angelo Carosi e Giorgio Calcaterra, dall’alto della loro straordinaria classe, hanno comunque tentato di ricucire, di riportarsi sotto. In parte ci sono riusciti nel tratto finale, ma comunque non è stato abbastanza. Petrei ha mantenuto le giuste distanze, controllato ed è andato a vincere in 29’38’: 2’58’ a km. (a conferma che il tracciato è velocissimo). 30′ esatti per uno straordinario Angelo Carosi: a 43 anni il portacolori della Forestale Rieti continua a lasciare sbalorditi, mettendo in riga atleti anagraficamente molto più giovani di lui! Terzo al traguardo il grande Giorgio Calcaterra. 30’08’, a conferma che il Campione della 100 km. del passatore si “difende” alla grande su tutte le distanze. Ottimo 4° in 30’14’ Pasquale Rutigliano dell’Esercito, con a soli 7′ Matteo Palumbo che, nonostante non sia in una fase topica della sua condizione ha dimostrato di essere in fase ascendente (prestazione di valore per lui, anche grazie al fatto di correre nella sua Manfredonia).


La gara donne non ha avuto sussulti: molte le atlete al via ma notevole il differenziale tra la vincitrice (Francesca Labianca del team dell’atletica Femminile Acquaviva, 40’31’ al traguardo) e le sue inseguitrici. Leonarda Pinto (Atl. San Severo) è riuscita comunque a chiudere buona seconda, ad 1’27’ dalla Labianca e precedendo a sua volta Mirella Nano, del team Disfida di Barletta.


Splendide le prove riservate agli atleti diversamente abili. In Handbike in molti hanno preso parte alla 10 km., tantissimi altri (molti giovanissimi) alle prove a loro riservate (500 e 1000 metri) che hanno concluso l’evento agonistico, trasmettendoci ulteriori, fortissime emozioni. Poi la mega premiazione finale ed l’arrivederci alla prossima edizione.


Quella del 2008 sarà un’edizione, visto il successo attuale, dai grandissimi numeri e della conferma che la ‘CorriManfredonia’ (organizzata dall’Associazione Gargano 2000) è una gara Top, in tutti i sensi!


Nella foto: Antonello Petrei

Autore: Marco Cascone

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>