Atletica News slide — 07 settembre 2016

Fabrizio Donato (ColomboFIDAL)Appena un secondo e 74 centesimi dividono Genzebe Dibaba dal record del mondo sul Miglio al 52° Palio della Quercia di Rovereto. Stasera l’iridata etiope è protagonista di un assolo contro il cronometro che la conduce al traguardo in 4:14.30, è la seconda migliore prestazione mondiale di sempre all’aperto alle spalle soltanto del world record di 4:12.56 della russa Svetlana Masterkova che resiste dal 1996. Per la Dibaba, rilevato anche un tempo di passaggio di 3:57.31 ai 1500 metri, nuovo primato del meeting. Quest’anno nella stagione al coperto aveva corso in 4:13.31 a Stoccolma, per stabilire il record mondiale indoor. Bene anche l’azzurra Federica Del Buono (Forestale) che si piazza quarta in 4:28.13 (4:08.94 ai 1500 eguagliando il primato stagionale) dietro all’olandese Sifan Hassan (4:25.50) e alla statunitense Alexa Efraimson (4:27.39) e si impossessa della migliore prestazione italiana under 23 dei 1.609,34 metri, diventando la quarta azzurra di sempre a livello assoluto sulla distanza. Il precedente limite nazionale di categoria apparteneva a Fabia Trabaldo: 4:38.07 a Londra nel 1993.

DONATO 16,93 CON ENTUSIASMO – Il miglior salto della stagione del triplista Fabrizio Donato va in scena proprio al Palio della Quercia. Il capitano azzurro, quaranta primavere e una fantastica carriera alle spalle, dopo un 16,46 (+0.6) azzecca un hop-step-jump da 16,93 (-0.3) al terzo ingresso in pedana che lo proietta al comando della gara. Solo il francese Harold Correa all’ultima prova soffia la vittoria al finanziere per appena cinque centimetri con 16,98 (+1.7). “Sto molto bene – racconta Fabrizio a fine gara –, esco soddisfatto da Rovereto e con tutto l’entusiasmo e la carica per ripresentarmi al via anche della prossima stagione. Stasera forse avevo nelle gambe ancora qualcosina di più. Dopo il bronzo olimpico del 2012, posso dire di avere un appuntamento con la pedana di Londra anche per l’estate prossima ai Mondiali”.

Nota statistica: Donato con la misura di oggi aggiunge alla sua bella collezione di primati anche quello mondiale master della categoria M40 (precedente: 16,58 dello statunitense Ray Kimble a Edimburgo nel 1993).

SPRINT: FORTE 9.97 NEL VENTO – Grande volata sui 100 metri della giamaicana Christania Williams, finalista olimpica a Rio, che con 11.02 (+1.0) firma il nuovo record del meeting battendo un limite che resisteva dal 1993 (quando Irina Privalova corse in 11.13). Nella lotta per il secondo posto, a debita distanza, riesce a spuntarla con 11.30 la statunitense Barbara Pierre, campionessa mondiale indoor dei 60 metri. Molto veloci anche i 100 maschili, vinti dal giamaicano Julian Forte in un probante 9.97, ma stavolta il vento è di poco oltre la norma (+2.3). Alle sue spalle l’eterno Kim Collins, 40 anni di età, non finisce di stupire e chiude in 10.01. Settimo l’azzurro Eseosa Fausto Desalu (Fiamme Gialle) con 10.47, seguito da Federico Cattaneo (Atl. Riccardi Milano), 10.55.

800, IL MIGLIOR TUKA DELL’ANNO – Il bronzo mondiale Amel Tuka ha scelto Rovereto per i suoi 800 metri più veloci dell’anno. Il 25enne bosniaco allenato da Gianni Ghidini torna ad affilare la sua arma più temibile, quella volata che stasera lo porta al traguardo in 1:44.80 (49.3 il passaggio della lepre a metà gara). Settimo il trentino Giordano Benedetti (Fiamme Gialle) che con 1:46.67 arriva a una ventina di centesimi dallo stagionale. Nella prima serie, vittoria per Soufiane El Kabbouri (Atl. Riccardi Milano) con il primato stagionale di 1:48.43. E’ il campione del mondo junior in carica dei 5000 metri e anche stasera Selemon Barega vuole far valere il suo rango iridato. A metà dell’ultimo giro, l’etiope fugge in volata e va a prendersi la vittoria in 13:24.06, a meno di tre secondi dal personale. Battuti il keniano Hillary Maiyo (13:25.16) e Birhanu Balew del Bahrain (13:25.42). Quinto con il suo terzo miglior crono di sempre è Marouan Razine (Esercito) che ferma il cronometro a 13:31.10, avvicinando il PB di tre secondi.

Nono con lo stagionale 13:54.29 Samuele Dini (Fiamme Gialle), mentre il campione europeo junior dei 3000 siepi Yohanes Chiappinelli (Carabinieri) porta a casa dodicesimo posto e PB (14:09.14).

GIRO DI PISTA: MCPHERSON 50.76 – La bicampionessa europea Libania Grenot ci prova e parte forte sui 400 metri. La panterita delle Fiamme Gialle resta agganciata a Stephenie McPherson fino all’ultima curva, ma il rettilineo sotto la tribuna diventa in salita per l’azzurra che si spegne e chiude soltanto sesta in 53.08. Vince McPherson in 50.76 sull’altra giamaicana Shericka Jackson (51.10), settima Maria Benedicta Chigbolu (Esercito) 53.27. Tra gli uomini il dominicano Luguelin Santos, argento olimpico a Londra 2012, porta a termine la sua missione senza problemi in 45.21 sull’anello dello Stadio della Quercia. Nei 400hs l’estone Rasmus Magi mette il turbo nel finale e supera 49.04 a 49.40 l’algerino Abdelmalik Lahoulou. Terzo posto per Josè Bencosme (Fiamme Gialle) che si conferma sotto i 50 secondi con 49.91 davanti all’altro azzurro Mario Lambrughi (Atl. Riccardi Milano), meno brillante (51.17) rispetto alle ultime uscite di luglio (PB 49.35 a Lignano). Al femminile l’ucraina, ex vicecampionessa europea, Hanna Titimets regola la concorrenza sul giro di pista con barriere in 56.42. Dietro di lei l’azzurra Marzia Caravelli (Aeronautica) in 57.31.

ASTA E ALTO – L’asta vede l’affermazione della bielorussa Iryna Yakaltsevich che si migliora a 4,51. Gara disturbata dal vento e che ha visto uscire di scena senza misura la tricolore assoluta Sonia Malavisi (Fiamme Gialle) con tre errori a 4,00. Quattro uomini a quota 2,25 nell’alto: la spunta grazie ad una progressione netta il 25enne messicano Edgar Rivera, quarto l’ex iridato Donald Thomas.

LANCI – L’ultimo lancio vale la vittoria per Martin Kupper. L’estone, ai piedi del podio a Rio, con 64,62 spodesta il cipriota Apostolos Parellis fino a quel momento al comando con 64,29. Quarto e migliore azzurro il tricolore assoluto Hannes Kirchler (Carabinieri) con 58,90. Il vento influisce anche sul giavellotto femminile vinto dalla statunitense Kara Winger con 58,44. Sesta con 52,23 la 19enne Ilaria Casarotto (Atl. Vicentina) e settima con 51,48 Zahra Bani (Fiamme Azzurre).

foto colombo/fidal

(ha collaborato Luca Perenzoni)
per l’Ufficio Stampa FIDAL.
Federazione Italiana di Atletica Leggera

 

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>