Cronaca slide — 01 luglio 2014

Straferrandina 2014

Splendida la quinta. La Straferrandina supera se stessa dal punto di vista organizzativo e regala emozioni su emozioni, in una bella serata di inizio estate. Per me, quale speaker, è stata la prima volta nel comune Lucano, e quello che mi ha maggiormente colpito, oltre alla grossa, davvero grossa organizzazione, è stata la grandiosa partecipazione di pubblico: praticamente tutti gli abitanti di Ferrandina presenti sul tracciato, lungo i 3.500 metri (e poco più) del giro, poi ripetuto 3 volte dagli atleti. Piazza gremita, viale di partenza gremito, uno spettacolo nello spettacolo. Ecco perché poi ti rendi conto ancor di più della responsabilità che ricade sulle spalle degli organizzatori: essere all’altezza di cotanta attesa, alla quale si è aggiunta quella delle centinaia di atleti al via (record anche questo). Ma poi, tirando le somme della serata vissuta, ti rendi conto anche che Giandomenico Tudisco, Vincenzo Zaltini e i loro operativissimi collaboratori della Podistica Ferrandina (e, con loro, le tante forze dell’ordine in campo) hanno centrato in pieno l’obiettivo sperato, e per il quale si sono impegnati per giorni, mesi…!

Gara

Come dicevo, 3 giri per un totale di 10541 metri (non uno in più, non uno in meno). Condizioni climatiche più che buone: temperatura accettabilissima, tasso di umidità non superiore al 50%, un po’ di vento che però soffiava contro nei tratti in salita (percorso ondulato, ma nel suo complesso medio-veloce).

In campo maschile Medhi Khelifi (Am. Atl. Acquaviva) da subito si è messo su un ritmo difficile per tutti, praticamente sin dal via sotto i 3’10” a Km. Nessuno è stato in grado di seguire l’atleta magrebino, e Medhi ha poi rallentato un po’, gestito la sua vittoria. E infatti ha chiuso sul piede dei 3’12”, finale 33’44”. Secondo gradino del podio per Francesco Minerva. Francesco (Dynamyk Fitness) è da sempre garanzia di qualità, e la conferma l’ha data sulle strade di Ferrandina. Bella la sua gara, niente male il suo 34’32” finale. Terza posizione per un ottimo Cosimo Damiano Albanese (Atletica Don Milani).

Gara femminile decisamente più combattuta. Partenza veloce per Viola Giustino, con lei Paola Bernardo, vicinissime Rossana Lo Vaglio e Rosa luchena. Il secondo giro ha dato delle indizioni migliori, in merito a quella che poi sarebbe stata la vera evoluzione della competizione. Paola Bernardo (Tre Casali San Cesareo) ha infatti tenuto alto il ritmo, le altre non hanno saputo fare altrettanto, ed hanno puntato, per forza di cose, al secondo gradino del podio. All’arrivo, nessun problema per Paola, capace anche di scendere sotto i 4’00” a km di media (3’58”, per la precisione). È stata poi Viola Giustino ad aggiudicarsi il gradino del podio alla destra della vincitrice. Una bella seconda piazza per Viola, con 24” di ritardo dalla leader. Terza al traguardo, più che positiva la sua gara, Rossano lo Vaglio.

La StraFerrandina, nella sua quinta edizione, ha saputo rispondere con stile, alla grande, alle attese giustamente riposte in essa. Non è un caso che c’è stato un incremento degli atleti arrivati di quasi il 35% rispetto al già record dello scorso anno. Tutti, viste le edizioni precedenti, avevano riposto fiducia nell’organizzazione: fiducia totalmente onorata, con i fatti.

Reportage Fotografico: http://www.podistidoc.com/fotopodisti/thumbnails.php?album=686

Marco CasconeMarco Cascone

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>