Cronaca — 16 agosto 2011

‘Ahahahahahahahahahahahahah’. Permettetemi d’iniziare così l’articolo sulla 4^ edizione dell’Ecomaratona della Valdarda, perché è proprio così, con una fragorosissima risata che l’ho terminata. Dopo sei ore e qualche minuto di corsa è stata la prima cosa che ho fatto,istintivamente, appena tagliato il traguardo e non smettevo più a tal punto che sembravo morso da una tarantola. Negli ultimi settanta metri di gara,sulla leggera salita che ci portava alla finish line mi è venuto in mente un libro che avevo letto qualche anno fa sotto l’ombrellone e chiedendo scusa,fin d’adesso, a qualche fine cultore dell’italica letteratura che potrebbe storcere il naso o a qualche lettore di libri ‘impegnati’ per la leggerezza di alcune affermazioni,mi va di raccontare. Oggi mi spingo in questa direzione perché credo che ogni tanto un pò d’ilarità non possa che far divertire e regalare qualche momento simpatico. Il libro in questione è La legge di Murphy,nel quale c’erano anche altre ‘leggi’ che ‘regolano’ la vita quotidiana. Posso affermare senza alcun dubbio che questa gara sia stata, l’elogio alla prima legge di Scott (Qualsiasi cosa vada male,avrà probabilmente tutta l’aria d’andare benissimo),l’esaltazione della legge di Murphy (Se qualcosa può andar male,lo farà) e l’apoteosi della seconda legge di Sodd (Prima o poi la peggiore combinazione possibile di circostanze è destinata a prodursi). A questa manifestazione non dovevo prendere parte poi una serie di circostanze favorevoli a lavoro mi hanno permesso di essere presente alla partenza di Morfasso nel giorno di ferragosto e fortuna poi ha voluto che,rispetto all’anno scorso, quando delle piogge flagellarono questa parte di penisola, c’era il percorso senza grosse pozzanghere e quindi più godibile e più facile tecnicamente; poi è andata a finire che mi sono perso ma questo non chiedetelo a me ma a Scott di cui prima ho accennato. Sono giunto nella località piacentina molto presto in compagnia del mio amico Andrea,come sempre  prezioso. Il paesino dorme ancora,qualcuno è al bar nel piccolo centro e vede arrivare un pò alla volta delle persone colorate,dagli accenti più disparati che prendono possesso del loro spazio,è divertente notare come questo flusso umano aumenti sempre di più col passare dei minuti. Dopo un caffè macchiato,una brioche e qualche consiglio chiesto a Stefano sulla Badwater ultramarathon che ha corso brillantemente e magnificamente (complimenti) il mese scorso, si va a ritirare il pettorale e il  pacco gara nella palestra di una scuola che ha la sua sede a poche decine di metri da noi. Tutto molto veloce,ordinato,come sempre a questa latitudine. Nel pacco gara poche cose tra cui una bella maglia tecnica della misura richiesta da noi (non capita sempre) e per me va già benissimo così. Manca ancora un pò alla partenza,si aspettano quelli che già si sa arriveranno in ritardo (vero dott. Paolo B.? La prossima volta ti mando un elicottero a casa così poi vediamo),il colorito e colorato gruppo dei super maratoneti sempre numerosi in ogni dove fa sentire la sua presenza simpatica e poi anche gli amici dei Runners di Bergamo contribuiscono a rendere piacevole l’atmosfera della vigilia. Le solite,tante foto che poi andranno ad inondare blog e social network vengono scattate,le medesime chiacchiere pre gara, insomma ci sono tutti i presupposti per una bella giornata (vero Scott?).


Sotto il gonfiabile della partenza,a qualche minuto dal via, lo speaker ci da le utilissime indicazioni sul percorso e sulla giornata  poi siamo  pronti per la ‘corrida’.Noto però con dispiacere,spero che i numeri mi smentiscano,che, rispetto all’anno scorso, i partenti siano calati e ciò questa kermesse non lo merita,anzi. La mia è una partenza molto tranquilla,voglio godermi la giornata,sono munito di macchina fotografica per immortalare i fantastici paesaggi che già so allieteranno i miei occhi,ho una borraccia perchè devo provare degli integratori che userò nella gara che sto preparando e poi perché trattandosi di una corsa su un percorso misto ma prevalentemente sterrato e roccia non voglio farmi male. Vado su bello tranquillo in compagnia di Rosario,il percorso è segnato benissimo,i ristori sono buoni insomma è un godimento. Intanto Murphy e Sodd,secondo me dormono ancora (ricordate l’inizio dell’articolo?). Ad un certo punto del percorso, nella boscaglia, sento un urlo, aspetto un pò e vedo arrivare un atleta che mi dice di essere caduto,gli chiedo se avesse bisogno di un aiuto ma rispondendomi ‘Tutto ok!’mi fa riprendere la corsa. Nel bel mezzo però di uno dei tratti più difficili e più belli del tracciato è come se venissi morso da un cane al muscolo della coscia destra,è un attimo,all’improvviso mi si spegne la luce,ma sono lì attaccato alla parete non posso permettermi il lusso di non essere in me,riprendo subito il controllo della situazione e guadagno la cima del monte da dove scatterò delle fantastiche foto,era un inizio di crampo però subito domato. Naturalmente la colpa di questo fastidio non posso darla che a Rosario che parlandomi del suo problema alla coscia me l’avrà passato per induzione. Si corre su lungo il crinale,si scende aggrappati alla corda che è fissata alla roccia e si va giù con qualche brivido con l’adrenalina a mille. La prima parte di gara è trascorsa,tratti d’asfalto mi fanno respirare e recupero un bel pò di posizioni perse, ho un altro passo e sono più a mio agio su questa lingua di percorso nera. A questo punto,si vede che qualcuno è andato a svegliare il signor Murphy,che inizia a fare colazione e perde un po’ di tempo perché dopo aver imboccato lo sterrato e fattomi ritornare in cima, al trentaduesimo chilometro circa inizia la sua opera. Imbocco una discesa che comunque è segnalata da un cartello ma che non ricordo aver fatto l’anno scorso. Naturalmente come insegna la legge di Murphy,’Se qualcosa può andar male lo farà‘,quindi sbaglio strada. Corro per circa settecentocinquanta metri ma non vedo segnalazioni.’Cavolo,non può essere ma è l’unica strada che c’era’,mi ripeto. Non sono convinto e rifaccio la strada nella direzione opposta tornando sui miei passi,fischiando,cercando di attirare l’attenzione di qualcuno ma niente. Intanto anche la sveglia del signor Sodd suona e lui inizia subito la sua opera. All’improvviso quando ormai scherzando con me stesso mi vedevo già figlio della montagna,abbandonato al mio destino,come novello Robinson Crosue sull’isola dopo il naufragio,spunta un’atleta che viene giù sparato,gli dico che andando avanti non ci sono segnalazioni,si ferma un pò titubante e mi dice:’Sei sicuro?’,gli rispondo che non avrei fatto un chilometro e mezzo in più per essere in quel posto se non avessi avuto la certezza di quello che dicevo. Aspettiamo un pò e vediamo arrivare altri due,i quali alla nostra avvertenza rispondono allo stesso modo precedente e con lo stesso tono. Adesso però siamo in quattro e si va tutt’insieme,indovinate in quale direzione? Quella sbagliata naturalmente. Arriviamo più giù e ci rendiamo conto che la situazione ci è un pò sfuggita dalle mani. Siamo lì,ci guardiamo intorno quando all’improvviso lungo un sentiero parallelo al nostro nascosto alla nostra vista vediamo una striscia di plastica biancorossa che pende. ‘Bene eccolo li il percorso’ ,è la nostra affermazione gioiosa. Due dei miei compagni di sventura si fiondano giù a tutto spiano mentre io e Paolo procediamo. molto cautamente .Vediamo i segni bianco e rossi sugli alberi e proseguiamo in quella direzione ma adesso anche il signor Sodd è nel pieno del suo lavoro (‘Prima o poi la peggiore combinazione possibile di circostanze è destinata a prodursi’,ricordate?). Finisce il bosco,arriviamo ad un incrocio sull’asfalto dove non troviamo nessuna segnalazione. Scorgiamo quello che potrebbe essere un segnale continuiamo la nostra avventura però abbiamo qualche dubbio (Murphy,non ascoltarci). Proseguiamo,ancora un altro bivio ci si para davanti,una strada è sbarrata da un cane e l’altra e libera,secondo voi dove andiamo? Nella direzione del quadrupede domestico,allontanandoci sempre di più dal traguardo.’Dove c’è un cane con un collare,ci sarà un padrone a cui noi chiederemo un’informazione’ ripete Paolo. Andiamo avanti un po’ e scorgiamo due ragazzini che mi sembrano abbastanza vispi,io non mi fido,però sono le uniche persone che incontriamo. ‘Ciao ragazzi,ci siamo persi,sapete indicarci la direzione per Casali?’ A questo punto Sodd gongola,i ragazzini ci indicano la direzione opposta a quella reale e noi fiduciosi andiamo. La strada dopo un po’ inizia a salire e questo non poteva essere possibile,incrociamo un giovane al quale formuliamo la stessa domanda posta ai ragazzini e questi con un’aria un poco meravigliata e con un tono che vuole nello stesso tempo rassicurarci ci dice:’Casali? Ma è da tutt’altra parte a dove siamo adesso,dovete ritornare da dove state venendo e poi ‘,ci spiega tutto e ci rimettiamo in marcia,il tempo continua a scorrere e son passate cinque e un quarto da quando siamo partiti. Lungo la strada sentiamo delle voci,c’è un pranzo tra amici su un terrazzino,richiediamo l’informazione,ormai diventata un  refrain,con la stessa incredulità del ragazzo di prima ci confermano la direzione dandoci anche dei punti di riferimento. Paolo è un po’ in difficoltà,ha finito l’acqua, è molto lento ed inizia ad innervosirsi un po’,gli faccio coraggio e lo incito. Io,invece,sono preoccupato per gli amici che non vedendomi arrivare al traguardo inizieranno a porsi degli interrogativi. Ci portiamo su una discesa dove alla fine dovremmo trovare una pizzeria e poi E poi naturalmente un altro incrocio ‘Dove si va?’,mi chiede il lombardo,gli rispondo che non mi muovevo da li finchè non fosse passato qualcuno a cui chiedere un’informazione e che brancolare nel buio era inutile,lui insiste chiedendomi di fare duecento metri per vedere dove arrivasse quella strada. All’improvviso però la fortuna si ricorda di noi,passa una macchina dell’organizzazione che ci dice che anche altri si erano persi e che la direzione che avevamo anche stavolta preso era quell’opposta a quella reale. ‘Proseguite sempre dritti ed arriverete,tranquilli ragazzi,tranquilli’ Ringalluzziti da questo incontro ormai siamo lanciati verso Casali,lungo la nostra strada c’è una ragazza che prova a correre ma non è una podista,le chiediamo a quanto disti la nostra meta e ci risponde che al massimo saranno un chilometro e mezzo,un po’ strano,perché il paesino lo scorgiamo da lontano. Scopriremo poi che la donzella avrà uno strano concetto dei metri e delle distanze,in quanto più del doppio saranno in realtà i chilometri ancora ci separavano dal traguardo. Ancora una macchina dell’organizzazione lungo la via c’incita e poi finalmente anche le frecce sull’asfalto ci ‘dicono’eco maratona e si sente lo speaker parlare. Giriamo a destra,gli ultimi settanta metri sono da correre. Inizio a ridere,in lontananza come in un sogno tutto si sfuoca e vedo solo tre sagome che ci aspettano. Taglio il traguardo di questo sogno/incubo e trovo a premiarci il signor Scott che mi ricorda che ‘Qualsiasi cosa vada male ,avrà probabilmente l’aria di andare benissimo’ e vedendo come era iniziata,con la fortuna a lavoro ed il bel tempo e come è finita la gara con la nostra scomparsa dal percorso,non posso che dargli ragione. A passarmi l’acqua al ristoro c’è il signor Sodd che mi ricorda che ‘Prima o poi la peggiore combinazione possibile di circostanze è destinata a prodursi’ e visto dove siamo andati a finire dopo tutta una serie di eventi l’ho abbracciato. L’unico che applaudiva soddisfatto di tutto e rideva di gusto era il buon Murphy che tanto per suggellare il tutto mi ricordava che ‘Se qualcosa può andar male,lo farà‘ e ricordando  da quando ho avuto il primo dubbio sul percorso,ho dovuto stringergli la mano. All’improvviso però mi risveglio ed una gentile,bella ragazza mi mette al collo una bella medaglia e poi tutt’intorno a me gli amici mi chiedevano i motivi per l’innaturale ritardo. Dopo la mia spiegazione sono arrivati gli sfottò che ho di buon grado accettato anzi,ero il primo a ridere di me e dell’accaduto. Dopo la doccia e un buon pasta party siamo ritornati a casa. E’ stata come sempre una buona corsa come negli anni scorsi e come sempre dico poco e male pubblicizzata perché merita veramente una partecipazione maggiore Un solo neo ha reso non perfetto il tutto. Se avessi sbagliato solo io il percorso avrei dato la colpa alla mia poca attenzione,così come in primis avevo fatto,però siccome ci siamo trovati in tantissimi in quella situazione ed era un unico lagnarsi mentre mangiavamo,posso anche immaginare che ci sia stato qualcosa che non abbia funzionato a dovere. Nel ritornare a casa ho visto un autovelox,secondo me ero giusto con la velocità,però non ditelo a Murphy altrimenti tra qualche settimana…     Cirinho Di Palma

Autore: Cirinho Di Palma

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>