Cronaca — 06 ottobre 2009

Come di consueto il Trofeo Provincia di Trieste ha fatto tappa ad Aurisina per due domeniche consecutive, infatti dopo aver visto gli atleti impegnati la scorsa settimana in occasione del Trofeo Generali, ieri si è disputata la 31^ Maratonina del Carso, prova organizzata dalla A.S.D. Marathon U.O.E.I. Trieste che ha contato la partecipazione di quasi 500 corridori, molti giunti dalla vicina Slovenia.
Anche se il calendario direbbe che siamo in autunno, il clima di ieri invece ha fatto godere a partecipanti, supporter ed altri presenti una calda giornata ancora a tutti gli effetti estiva.

In partenza si è subito intuito chi sarebbe stato il dominatore della gara quando si è notata la presenza dell’etiope Dereje Hailegiorgis, fresco vincitore della EuroMarathon Koper-Muggia. Solo il compagno di squadra Girma Thialun (4° all’EuroMarathon) ha tenuto il passo fino al viraggio di metà gara, ma poi l’allungo di Hailegiorgis è stato evidente e alla fine la differenza tra i due sarà di ben tre minuti netti. Certo è che si son fatti registrare dei tempi veramente eccellenti considerando la difficoltà del tracciato, che di seguito ricordiamo: tratto iniziale tutto in salita fino a Campo Sacro, poi falsopiano da percorrere in andata e ritorno con attraversamento degli abitati di Gabrovizza e Sales, viraggio sito nei pressi di Ternova e infine discesa percorrendo in senso inverso l’ascesa dell’andata (Santa Croce). Da segnalare che il tempo indicato dal cronometro al traguardo, 1h05’27’, è il migliore di sempre in questa manifestazione podistica!
A contendersi il primo posto tra gli italiani sono stati Stefano Zancan dell’A.S.D. Gruppo Generali Trieste e Marco Moretton, atleta facente parte della società organizzatrice. Moretton non ha negato che essendo a conoscenza del bonus economico riconosciuto a chi scendeva sotto l’ora e dieci ha spinto fin dall’inizio rinunciando ad impostare una gara tattica. Pertanto è partito da subito forzando l’andatura e ha parzialmente rovinato i piani di Giacomo Licen Porro dell’A.S.D. Sportiamo il quale a fine gara dichiarerà: «Speravo di riuscire a stare con Moretton invece ho dovuto far gara con Della Mea.» Altresì Zancan è stato agevolato nel trovare quasi inaspettatamente un compagno per affrontare i primi 5 chilometri di salita. Dopo la svolta a sinistra che portava al ponte sopra l’autostrada, Zancan si è messo davanti per tirare un po’ lui, ma Moretton ha forse iniziato ad accusare il ritmo inizialmente forsennato. Dopo aver perso qualche decina di metri, tra il 12° e 15° chilometro è entrato in una vera e propria crisi da dove è uscito solamente stringendo i denti! Non ha più ripreso Zancan, il quale vedendo che poteva stare sotto l’ora e nove ha tirato particolarmente negli ultimi tre chilometri riuscendo nel suo intento e fermando il crono a 1h08’52’. Contento alla fine anche Moretton che in discesa si riprende e pensa solo a far girare bene le gambe essendo le posizioni ormai definite; per lui 1h10’14’. Come avevamo accennato, per il quinto posto se la son giocata Giacomo Licen Porro e Paolo Della Mea dell’U.S. Aldo Moro Paluzza, i quali sono stati assieme fino al 20° chilometro, momento in cui il triestino ha prevalso sul friulano forse anche agevolato dal conoscere il percorso. I rispettivi tempi sono stati 1h11’44’ e 1h12’01’.
In campo femminile si rivedono nelle gare del Trofeo Provincia di Trieste le fortissime Paola Veraldi del CUS Trieste, Valentina Bonanni dell’Atletica Brugnera e Alessandra Lena del G.S. Aquileia; non a caso queste atlete si accaparrano, in ordine, i primi tre posti della classifica. Non vogliamo utilizzare termini che sminuirebbero ingiustamente le prestazioni delle rivali, ma l’atleta cussina ha dimostrato veramente una manifesta superiorità chiudendo addirittura alla 26ª posizione assoluta in 1h21’04’ e lasciando anche la seconda donna a più di cinque minuti di distacco. Inoltre la Veraldi non era assolutamente pronta per una gara del genere, avendo partecipato appena una settimana fa ai 5000 metri su pista dei campionati italiani societari e non avendo nelle gambe più di un’ora di corsa: «Oggi stavo bene e ho fatto meglio degli anni passati. Non sono contenta di come sono andati i societari e oggi mi sono sfogata. In gara ho trovato il casuale aiuto di uno sloveno (Darko Kunc, ndr) con cui sono giunta fino al traguardo.» Valentina Bonanni veniva da due settimane non semplici, dove aveva partecipato ad altrettante gare in cui però aveva risentito di disturbi respiratori, probabilmente causati da tensioni accumulate nella vita quotidiana. Ieri finalmente è riuscita a ‘mollare’ un po’ anche se si è semplicemente limitata a controllare la posizione in vista della Maratonina dei Borghi che si disputerà a Pordenone domenica prossima. Il suo tempo finale: 1h26’05’. Essendo al primo anno di attività podistica, ovviamente per Alessandra Lena del G.S. Aquileia il percorso era inedito, allora ha sofferto e pagato i vari dislivelli più delle avversarie: «E’ stata molto dura, anche perché io sono di Staranzano e al massimo vado ad allenarmi a Marina Julia, quindi sempre in piano. Sapevo di non poter raggiungere la Bonanni ma allo stesso tempo ero consapevole che nessun’altra rivale mi avrebbe presa, pertanto ho fatto la mia gara solitaria limitandomi a controllare la situazione.» 1h27’30’ per lei. A contendersi la quarta piazza sono state un’habitue del Trofeo, Francesca Lettig della A.S.D. La Bavisela, e un’atleta slovena che conosce tra l’altro Valentina Bonanni; il suo nome è Polona Kukovec. Le due partono assieme e terminata la salita, quando si apprestano ad affrontare il falsopiano fino al viraggio, c’è un’alternanza tra le stesse. Poi la triestina ha buone sensazioni e nella seconda metà di gara allunga sulla Kukovec. Quasi incredula Francesca Lettig quando le chiediamo di commentare la sua prova: «Sono fresca del personale alla Maratonina di Udine che è una gara teoricamente più semplice di questa e invece sono riuscita a ritoccarlo di più di mezzo minuto già oggi, terminando in 1h28’14’. Addirittura a Udine avevo tagliato il traguardo decisamente più stanca di oggi!» Il crono della Kukovec è stato invece di 1h29’04’.
L’A.S.D. Marathon U.O.E.I. Trieste, nelle parole del suo Vicepresidente Roberto Furlanic, ringrazia tutto il suo staff e spera che i presenti abbiano apprezzato la loro organizzazione, ma noi che scriviamo non abbiamo dubbi in merito a questo.
L’appuntamento con il Trofeo Provincia di Trieste invita tutti quanti al penultimo appuntamento tra due domeniche, la XXX Su e zo pei clanz che partirà come di consueto alle 9.30 presso il Piazzale della ex Grandi Motori a Bagnoli della Rosandra

Autore: Associazione S.Po.R.T. (Società Podistiche Riunite Trieste)

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>