TuttoCampania — 10 agosto 2013

Castellabate LandiAria di festa quella che si respirava in piazza, in zona Santa Maria, al raduno dei tanti partecipanti alla 16ima edizione della “Marcialonga di Castellabate”. Tanti partecipanti davvero, visto che c’è stato il record assoluto di iscritti e di arrivati, record assoluto nella lunga storia della gara organizzata per la prima volta nel 1972, per poi esser ripresa da Nicola Paolillo nelle ultime 3 edizioni. Un vulcanico “Don Luigi”, parroco di Santa Maria, a dare il via ufficiale alla 6.2 km che ha portato gli atleti al Belvedere San Costabile, non prima di aver percorso i conosciutissimi tornanti che portano ai piedi del Castello dell’Abate Costabile, da cui il nome del paese ospitante.

Gara

Antonello Landi sembrava corresse in pianura, sembrava che per lui le salite fossero solo rilevamenti altimetrici sulla carta, ma non in pratica. Ritmo immediatamente proibitivo per tutti, tranne che per lui. Correre su strade dal 10% di media pendenza, a ritmo di 3’44”, è un privilegio riservato solo ad atleti dal grande talento, il talento di Antonello. Al traguardo 22’58” per l’atleta del team Potenza Picena: 1 minuto meglio del record del tracciato, senza considerare che quest’anno lo stesso misurava, per necessità viarie, 200 metri in più di quello tradizionale. Gran gara per Antonello, ma ottima anche quella di kamel Hallag. A suo agio nei tornanti di Castellabate, kamel (Pod. Sele) ha chiuso con un gran 23’39” finale (anch’egli sotto il tempo record precedente), con un Prisco D’Arco sul gradino numero 3 del podio, a conferma del valore dell’atleta Isaura.  A Danilo Palmieri e Vito Franco le posizioni subito ai piedi del podio (25’19” e 25’35” per loro).

La gara femminile proponeva già prima del via un sicuro confronto tra Alessia Amore (lo scorso anno 2° assoluta) e Tina Franzese (per la prima volta in gara a Castellabate). Alla fine l’ha spuntata agevolmente Alessia, tenendo la testa della gara dal primo metro fino al traguardo, con un ottimo 27’38” finale, cosa che equivale circa al tempo record della Vanacore, edizione 2012, considerando i 200 metri in più di questa edizione. Bravissima Tina Franzese, a meno di 1’ da Alessia. Tina, già proiettata verso la Maratona di Ravenna del prossimo Novembre, ha saputo gestirsi al meglio, nonostante fosse alla sua prima assoluta in questa gara. Un terzo posto di valore per Jean D’Argenio (Run For Life). Jean (in attesa dell’organizzazione della sua gara, il prossimo 25 Agosto a Montefredane) ha chiuso in un buon 30’12”.  Niente male Lucia Avolio (Napoli Nord Marathon) e la giovanissima Elite Di Rosa (Agropoli Running) giunte nell’ordine, in quarta e quinta piazza.

Peccato per il gran temporale che è venuto giù un po’ prima dell’inizio delle premiazioni, cosa che ci ha impedito la cerimonia protocollare. Anche la temperatura improvvisamente si è abbassata, ma non di certo sono diminuite le belle sensazioni che questa gara ci ha saputo nuovamente, e ancor di più, farci provare.

Merito a Nicola Paolillo e al suo staff per aver riportato in auge la lunga storia della Marcialonga di Castellabate, senza mai dimenticare il ricordo del Professore Arnolfo Tata, ideatore e realizzatore delle prime edizioni, quelle dell’inizio anni 70.

Marco Cascone

(foto di Adriana Fabini)

Share

About Author

Cascone

  • salvatore albrizio atletica isaura

    complimenti ad antonello landi ed alessia amore per le rispettive vittorie.

  • gennaro

    COMPLIMENTI ai 2 vincitori m/f xkè sono davvero grandi atleti…..peccato x il record :),Antonè ma nn potevi andare piu piano? 😛

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>