Maratone e altro slide — 01 maggio 2014

24oretorinoLa ventiquattro ore di Torino di quest’anno aveva molti contenuti racchiusi in quell’anello di millequattrocentoventi metri ricavato nello splendido parco Ruffini . Tutti significativi e importanti : In primis per gli Organizzatori che dovevano presentare il circuito dove il prossimo anno si svolgerà il campionato mondiale ed europeo della specialità e verificarne l’idonietà delle strutture presenti;in seguito per i tanti atleti che,anche per la prima volta, si presentavano ai nastri di partenza della gara per voler scoprire il sapore di correre o camminare per un giorno intero. Un significato importante lo aveva anche per me e la mia squadra,dovevamo confermare che il lavoro  svolto negli ultimi otto mesi era a buon punto. Alla fine, il capoluogo sabaudo ha saputo regalare a tutti risposte positive,basi sulle quali fondare un futuro importante.

Sono giunto a Torino il giorno prima della gara in non perfette condizioni fisiche per problemi legati ad un fastidio al tendine d’achille che m’aveva visto nelle settimane prima della corsa nelle sapienti mani degli specialisti del Ctr di Reggio Emilia.  Nella nostra testa però avevamo la convinzione di poter ottenere un buon risultato. Questo non significava assolutamente essere spavaldi,il nostro era un ragionamento semplice : tenevamo la certezza d’aver fatto un ottimo lavoro nei mesi precedenti: combinando palestra,corsa e massaggi. I risultati poi alla 12 ore del Tricolore (124,173km) e alla 6 ore di Torino (75,172km) erano i presupposti per fare bene.

Col maestro Tallarita avevamo preparato tutto nei minimi particolari, niente era stato affidato al caso,ci poteva solo fermare una rottura fisica. Eravamo talmente convinti che alla vigilia della gara il grande Antonio m’aveva anticipato il numero di chilometri che avrei percorso.

E’ sabato mattina ed il parco Ruffini si veste a festa. Molto pimpante Enzo Caporaso,organizzatore dell’evento, illustra a tutti quali sono le caratteristiche del percorso e orgogliosamente ripete che proprio su quel tracciato nel 2015 ci saranno i migliori al mondo a sfidarsi in una corsa di un giorno intero. Arrivo molto presto e incontro il Maestro,insieme prepariamo il nostro tavolo con bevande e cibi che serviranno per le gare che di li a poco andremo a cominciare. Ascolto un po’ di musica come faccio sempre per rilassarmi e quando manca mezz’ora all’inizio mi cambio,preparandomi per la sfida. Una gara non contro qualcuno ma contro me stesso: dovevo dimostrare di essere un atleta di medio-alto livello per ambire a traguardi alti e per farlo non dovevo far altro che rimanere concentrato,fare quello che avevamo pianificato ed ascoltare cio’ che il mi veniva consigliato dal  box,tutto molto semplice. Le gare hanno preso il via alle dieci e sul percorso si notano subito atleti che viaggiano a differenti velocità causa tre gare in essere : Sei ore,Cento chilometri e Ventiquattro ore. Molta gente ad applaudirci sul tracciato e tantissimi accompagnatori muniti di tende e gazebo affollavano ordinatamente il lungo rettilineo del traguardo e passare da li era sempre una gioia. Io sempre regolarissimo,ogni tre giri mi fermavo al ristoro,bevevo e ripartivo… Intanto il tempo passava e con  Evangelisti e Alzani ,c’alternavamo al comando della manifestazione distanziati di pochi metri. Finivano intanto le gare della Sei ore e poi della Cento chilometri. Il mio incedere sull’anello era costante e come da tabella, solo che adesso avevo a disposizione anche Tallarita che, avendo finito ( quarto) la sua corsa,si poteva dedicare a me al cento per cento; ciò mi rendeva ancor più tranquillo e sempre  più carico. Le ore passavano inesorabili,i passi s’alternavano incessananti sull’asfalto e sui visi di alcuni atleti cominciavano a vedersi delle strane smorfie. I fisici iniziavano a sentire la fatica dell’imperturbabile scorrere delle lancette dell’orologio e molti atleti alternavano una camminata veloce alla corsa. Con l’inizio della notte,senza fermarmi,mi sono anche coperto adeguatamente in modo da non accusare i disagi dovuti all’abbassamento della temperatura e all’umidità. Intanto tra i favoriti, Alzani alzava bandiera bianca e di li a poco anche Evangelisti inizierà a camminare lungo il percorso. Verso la quindicesima ora di corsa perdo la testa della gara ma per me non c’era alcun problema,la corsa era ancora lunga e poteva presentare ancora molte insidie. Tra la diciassettesima e diciottesima, col permesso di Antonio, ho fatto una pausa di qualche minuto in modo da poter rilassare un pò il corpo in tensione. I muscoli però,nonostante la coperta addosso,  si sono raffreddati e subito il dolore lancinante al tendine”malato” fece capolino. La sofferenza era atroce,subito mi fu praticato un massaggio e applicato il taping cercando di alleviare il male. Intanto i minuti trascorrevano inesorabili ed io perdevo tempo prezioso cosa che a  me rodeva perché non facevo  i chilometri previsti. Ristabilitomi mentalmente e con molta pace nella mia testa riparto cercando però prima di riscaldarmi un po’.Compio un giro (1420m) camminando, mi passa Paoletti che vedendomi procedere lentamente,s’affianca e m’incoraggia. Iniziano a recuperare anche il tedesco e lo svedese ma io sono sempre sereno. Comincio camminando anche il secondo giro ma a quel punto prendo la decisione di correre col dolore e storto,lo completo ed inizia ad andare meglio. Riprendo il ritmo,il malanno sparisce e la gioia prende il posto della serenità che comunque non avevo mai perso. Ad ogni tornata ripeto ad Antonio che sto dando il massimo e lui mi pone dei traguardi intermedi da raggiungere,così via,via andiamo avanti. Ad un certo punto della notte,quasi all’alba ad un ennesimo passaggio sul traguardo il Maestro mi viene incontro,come aveva fatto sempre a tutte le tornate precedenti per pormi i ristori,i tempi, per regalarmi consigli ma, questa volta vedo una luce diversa sul viso di questa grande persona. Si avvicina e con occhi lucidi dice :”Mi stai facendo emozionare” ,Io che sono molto sensibile gli rispondo subito :” Antonio non fare così, io m’emoziono facilmente e poi se inizio a piangere mi fermo qui e non riparto più ! “. Ormai è l’alba e mancano quattro ore,corro molto bene ed avevo la sensazione che le tantissime persone presenti facessero il tifo per me. Sono libero da condizionamenti e da freni mentali,vado che è un piacere. Vedo il sorriso sul volto di tutti,è molto bello. Tanti atleti mi fanno i complimenti per la mia tenuta di gara e penso ai tanti sacrifici che abbiamo fatto per raggiungere quel momento lì. Stavo dando il massimo ed ero orgoglioso di me e al contempo sapevo che anche il Maestro lo era. Allo sparo ormai poco più di qualche minuto e mancano circa quattrocento metri per passare ancora sul traguardo e mettere a terra il cinesino. Faccio un ultimo allungo,sono sul rettilineo finale e vedo che la gente lascia tutto quello che stava facendo, si alza in piedi dalle sedie e mi  tributa un ovazione  come se avessi vinto un mondiale. Metto a terra il segnachilometri e cosa vedo? Un mare di persone che corre verso di me per abbracciarmi. Io,tra la folla cerco Tallarita, gli vado incontro e lo abbraccio dicendogli :” Antonio,grazie e scusami se non abbiamo raggiunto l’obiettivo dei duecentoventi chilometri “ .Il saggio siciliano pronto ribatte:”Stai tranquillo hai corso oltre duecentodiciassette chilometri, dato spettacolo,regalato emozioni e fatto una gran gara”. Voglio fermare qui il mio racconto nel momento più bello della ventiquattro ore di Torino.

Concludo facendo alcune considerazioni:

Alla fine sono arrivato quarto, vincere  la medaglia di legno non piace mai a nessuno però io sono particolare e va bene anche così. Il risultato raggiunto è grande per come è maturato e sono convinto che faremo meglio. Con i consigli del Maestro e con lui come assistente di gara non posso che progredire. E’ solo questione di tempo. Per la prima volta ho superato i 200 km in una gara di 24 ore e questa la dice lunga su quale potrebbe essere il prossimo risultato. Essere arrivato ai piedi del podio con due stranieri,atleti delle rispettive nazionali, al primo ed al terzo posto vuol dire essere nei primi posti in Italia e la mia rappresenta la quarta prestazione dell’anno. Quando mi sono affidato ad Antonio l’ho fatto perchè conosco il suo valore sia come uomo sia come atleta. Oggi più di ieri sono convinto che il risultato è vicino. In questi otto mesi ho sempre migliorato i miei personali sia sulla 6 ore che nella 12 ore e adesso anche nella 24 ore. Sono convinto che sia solo questione di tempo. Il prossimo anno i campionati mondiali ed europei si correranno in Italia e sicuramente sarà un motivo in più per fare ancora meglio. Io ed Antonio ci siamo prefissati un obiettivo e lavoreremo per  quello.

Lo scopo di questa gara erano i 220 km,manca poco. I 217,249km sono un buon punto di partenza.  Con questo risultato le mie quotazioni sono aumentate ed in Federazione, spero, che qualcuno mi guardi con un occhio diverso. La mia corsa l’ho vinta leggendo alcune dichiarazioni rilasciate dal Maestro qualche giorno dopo la manifestazione e che di seguito riporto:

Tallarita:”Allenare Ciro è una grossa soddisfazione,  in quanto è una persona estremamente rigorosa, metodica e attenta  e questo gli permette di cogliere i risultati. E’ un atleta che ha dato molto al mondo dell’ultramaratona e saprà dare ancora di più in futuro. Il suo risultato premia non solo i suoi sacrifici ma anche una metodologia di allenamento che forse esce dagli standard tradizionali fatti di allenamenti lunghi e  impegnativi.  Queste gare si fanno con le gambe ma la testa assume un ruolo fondamentale e su questo Ciro non ha nulla da imparare. Le sue precedenti esperienze podistiche, che hanno dell’incredibile, lo dimostrano. Ha solo bisogno di dosare bene ed al meglio la sua carica energetica, quella che io chiamo “generosità emozionale” ovvero la voglia di dare il meglio quando si sta bene senza pensare che ci sono ancora molte ore di corsa. E su questo stiamo lavorando con la giusta serenità. Ciro è un atleta determinato, in grado di raccogliere risultati eccellenti e sono convinto che alla prossima gara saprà cogliere l’obiettivo.

Ditemi voi: “ Come posso mai deludere il grande Antonio Tallarita?

Qualcuno si chiederà perché lo chiami Maestro nonostante siamo amici. E’ semplice,nutro una grande ammirazione e un grande rispetto per questa persona sia come uomo che come atleta. Ha messo a mia disposizione il suo sapere rendendomelo facile e mi sta insegnando molte cose.

Termino dicendo che una gara del genere nel proprio animo contiene tante piccole grandi storie e a me piace ricordare quella di Paolo (atleta) e di Pupetta ( moglie) che ho conosciuto in albergo il giorno prima. Paolo che in passato aveva avuto qualche problema fisico e di peso,si presentava per la prima volta ad una gara del genere,la moglie vedendo la sua determinazione,la sua voglia,il suo voler regalarsi un sogno,non l’ha sconsigliato anzi,l’ha invogliato,lo ha accompagnato e gli è stata vicino. Hanno fatto questo viaggio di ventiquattro ore insieme. Paolo ad un certo punto camminava,soffriva ma non mollava,Pupetta era li ad aspettarlo ad ogni giro. Uno sguardo,una parola dolce e un incoraggiamento. Questo è amore !!!  Una ventiquattro ore ha molti vincitori,questi straordinari amici sono tra questi.

 

Cirinho Di Palma

 

 

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>