Cronaca — 16 novembre 2009

Un tempo da lupi ha accolto domenica 8 Novembre i runner impegnati nella 18a maratonina di Busto Arsizio: vento, freddo e pioggia non hanno scoraggiato gli i 1300 atleti impegnati nella mezza maratona e i 300 che hanno completato la non competitiva. Sì, quella di Busto è ormai una mezza dai grandi numeri, che ogni anno segna nuovi record di iscritti, un appuntamento a cui molti podisti lombardi e piemontesi non vogliono certo rinunciare. Le carte vincenti di questa classica organizzata dall’atletica San Marco sono infatti consolidate: tracciato veloce pianeggiante interamente asfaltato, chiusura totale al traffico grazie all’opera di centinaia di volontari arruolati fra i 270 soci bustocchi, i vigili e la protezione civile di Busto e Lonate, docce calde per tutti (davvero indispensabili in questa stagione), ricco ristoro finale.


Ecco quindi che nonostante il maltempo la gara si è subito dimostrata veloce. In partenza un quintetto di atleti si avvantaggia rispetto al gruppo, fra questi in evidenza Rached Amor e Federico Simionato. Sotto la spinta dei due forti atleti il gruppetto si fraziona e già a metà gara i due si trovano soli al comando. La coppia giunge compatta fino all’ultimo chilometro, dove un allungo del marocchino della Pro Sesto gli consente di aggiudicarsi la corsa in 1h 07′ 08′ con  5′ di vantaggio sull’atleta dell’areonatica militare; terzo a 42′ Abbatescianni della Co-Ver Mapei. Primo fra gli atleti di casa Marco Brambilla, che con l’ottimo tempo di 1h 09′ 11′ riconferma il titolo di miglior Master italiano vinto appena un mese fa a Pavia. Fra le donne la vittoria è andata all’italiana Claudia Gelsomino della Onda Verde Athletic che col tempo di 1h 20’18’ ha preceduto di 47′ la nentottenne Simona Baracetti; terza a oltre 2 minuti la comasca Cristina Clerici.


Al termine della corsa buone le impressioni dei runner impegnati e grande è stata la soddisfazione per Enrico Traietta, presidente della società organizzatrice:’è stata una bella mattinata di sport: abbiamo ammirato oltre 1600 persone che nonostante il maltempo, hanno dato prova di voglia di fare di fare e impegno. Anche dal punto di vista organizzativo è filato tutto liscio, nonostante la scarsa tolleranza di qualche automobilista: ringrazio le autorità, i volontari e i vigili che ci hanno dato una mano, malgrado la concomitanza con la festa delle forze armate.’ Ma gli appuntamenti per l’Atletica San Marco non terminano certo qui: infatti il 13 Dicembre nel quartiere di Madonna Regina organizzerà la corsa ‘A Pée in Brughea’, la più antica tapasciata lombarda, per la quale sono attesi 800 podisti.

Autore: Comunicato stampa

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>