Cronaca — 19 luglio 2010

Domenica 18 luglio a Santa Caterina dello Jonio (CZ) si è svolta la 15^ Corrinsieme by Saucony. Una edizione che ha confermato  l’accuretezza oganizzativa  dello staff  coordinato dai due team manager, Mimmo Carone e Gino Caporale. Ospite d’onore, per il secondo anno consecutivo, Gennaro Di Napoli, due volte Campione del mondo dei 3000mt, indoor e il più forte mezzofondista veloce dell’atletica italiana. E proprio  a Santa Caterina, si è voluto festeggiare il ventennale del suo primato italiano sui 1500mt., 3’32”78, fatto segnare a Rieti nel 1990 ed ancora imbattuto. Come ogni anno sono stati centinaia, da tutta Italia, gli amatori che hanno preso parte all’evento, permettendo di devolvere l’intero ricavato delle iscrizioni all’A.I.R.C. (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro). L’aspetto prettamente tecnico è stato sicuramente il migliore di tutte le quindici edizioni. La Corrinsieme è stata, infatti, scelta da Ottavio Andriani e Ruggero Pertile, come gara per testare la propria condizione, in vista della prova di maratona dell’1 agosto ai Campionati Europei di Barcellona. Sul tracciato anche il tecnico di Andriani, Piero Incalza, che ha voluto seguire da vicino l’atleta delle Fiamme Oro. Gli altri italiani in gara erano Cosimo Caliandro, campione europeo sui 3000mt. Indoor e il maratoneta della Forestale, Giovanni Ruggero.
Su un circuito di 2km da percorrersi per cinque (gara maschile) e due (gara femminile) giri di una certa difficoltà tecnica, per due salitelle che  hanno lasciato il segno nella parte finale della corsa, si è assistito al maschile alla più bella gara di tutte le quindici edizioni, grazie agli azzurri che sono stati protagonisti fino quasi alla fine. Sino al penultimo giro in testa il ruandese Sylvain Rukundo, il keniano Erastus Chirchir e gli italiani Cosimo Caliandro e Ruggero Pertile. Bene anche Andriani e Ruggiero, subito dietro nel gruppetto degli inseguitori. All’ultimo giro si stacca Caliandro e davanti, come dei treni, i due africani, con Pertile che gli tiene testa,  perdendo un po’ di terreno nell’ultimo chilometro. Allo sprint vince, bissando il successo del 2009, Rukundo su Chircir, ma Pertile negli ultimi 500mt. rinviene e si piazza al terzo posto, a soli cinque secondi dal vincitore. Cosimo Caliandro, quarto e a seguire, sesto, Giovanni Ruggiero, settimo Ottavio Andriani. Pertile e Andriani  hanno dichiarato di essere soddisfatti del test effettuato e di come hanno condotto la gara. Adesso l’ultimo periodo di rifinitura e poi l’1 agosto alle ore 10:05 la partenza della maratona dei Campionati Europei di Barcellona
Nella prova femminile facile vittoria della marocchina Meriyem Lamachi in 13’27”. Alle sue spalle Teresa Latella (14’44”)  e Luisa Corso 15’01”.

Autore: Giovanni Certomà

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>