Anteprima HOME PAGE — 05 maggio 2012
Trieste, 4 maggio 2012 – Grande festa alla Bavisela di Trieste, dove oltre 6mila atleti hanno già perfezionato la propria iscrizione alla non competitiva e in totale domenica saranno 11mila i runners impegnati in gara, contando anche maratona e mezza. Mancano solo due giorni “all’ora x” della Nuova Bavisela, che domenica 6 maggio a Trieste metterà in scena la 13° Maratona d’Europa, la 17° Maratonina Europea dei Due Castelli e la 19° Bavisela Family. Al centro dell’attenzione il testimonial dell’evento e oro olimpico ad Atene 2004, Stefano Baldini, che domani incontrerà fan e appassionati al Savoia Excelsior Palace Hotel, alle 15, per raccontare la propria passione e dare consigli a chi, per la prima volta, si cimenta nelle gare. Oggi intanto, dalla tarda mattina, le Rive di Trieste si sono animate con il Villaggio Bavisela che ha focalizzato l’attenzione di turisti e visitatori, mentre nel Bacino San Giusto, davanti piazza Unità d’Italia, è partita la 24h di Waterbike. Fino alle 16 di sabato, 78 atleti pedaleranno ininterrottamente sull’Ordegno per segnare il nuovo Guinness dei primati di percorrenza.

 

MAXISTAFFETTA, VINCE IL TEAM “MARATHON YOUNG” (33’58”) – Un esercito di 200 atleti ha chiuso giovedì 3 maggio la prima giornata di Bavisela in piazza Unità d’Italia. Se i piccolissimi della Bavisela Young-Fondazione CRTrieste avevano aperto la giornata, è toccato ai runners delle società podistiche triestine sfidarsi alla luce del tramonto nel salotto buono della città. Venti le squadre al via composte da dieci atleti ciascuna, ai quali sono stati affidati mille metri di sprint. La vittoria è andata al “Marathon Young”, squadra giovanissima, con il tempo di 33’58”, seconda piazza per “Mima Sport…iamo”, con 34′, terzi i “Calzini” con 37’42”. Tra le altre squadre in gara, da segnalare la prestazione del team tutto al femminile di “Ocio al petes”, organizzato dall’Azienda Sanitaria per sensibilizzare il pubblico nel mese della prevenzione alcologica. A correre in piazza anche due campioni, Giacomo Licen Porro, vincitore della Maratona d’Europa 2011, con il team arrivato secondo, e la pluridecorata atleta Daniela Chmet che ha prestato la sua immagine al team dell’Azienda sanitaria. La staffetta è tornata alla Bavisela dopo un periodo di assenza, grazie alla volontà del direttore tecnico, Paolo Giberna, che ha studiato una nuova formula per riproporre l’evento all’interno della manifestazione. Alla fine della gara, come da tradizione, coppe e medaglie per tutti i partecipanti, insieme alla maglietta ricordo, una t-shirt rossa appositamente creata per l’evento. 
DOMANI DA GEMONA A TRIESTE LA STAFFETTA DEL RICORDO – Sono una sessantina gli atleti del Friuli Venezia Giulia che domani, 5 maggio, parteciperanno alla Staffetta del Ricordo Gemona-Trieste, l’evento ideato dalla Bavisela di Trieste e dall’Associazione Maratonina Udinese, per correre in memoria del sisma che 36 anni fa devastò il Friuli. La partenza sarà data alle 10 dalla piazza di Gemona, città simbolo del terremoto, per passare a Udine, Gradisca e arrivare, in serata, intorno alle 20.30, nella piazza dell’Unità d’Italia di Trieste: 101 km di corsa, divisi in dieci tappe per ricordare le persone scomparse, le ferite al territorio, ma anche dare valore al ruolo della Protezione Civile. Tra i sessanta atleti al via, il triestino Bruno Vittori, dell’ASD Marathon, correrà tutte le frazioni stabilite. La manifestazione è stata ideata dal direttore tecnico della Nuova Bavisela, Paolo Giberna, che auspica domani un coinvolgimento di tanti triestini nel tratto finale. “Invitiamo tutte le persone a unirsi agli atleti già previsti nell’ultima frazione, per un “arrivo di massa” in piazza Unità – spiega Giberna – per tutti il ritrovo è fissato alle 20.20 domani, nei pressi della Stazione Centrale, per percorrere insieme l’ultimo chilometro prima dell’arrivo, accompagnati dalla fanfara dei bersaglieri E. Toti». In piazza Unità d’Italia farà il suo ingresso anche il pluridecorato campione friulano Venanzio Ortis. Il trasporto di parte degli atleti e la staffetta motociclistica al seguito dell’iniziativa saranno curate dall’ASD Bavisela e dall’ASD Maratonina Udinese, in collaborazione con la Protezione Civile Regionale.
MARATONINA: CI SARA’ ANCHE CRUCIANI, CONDUTTORE DE “LA ZANZARA” SU RADIO 24 - Giuseppe Cruciani è una delle vere star della radiofonia italiana e, se la cronaca politica è la sua vocazione professionale, la sua grande passione è l’atletica. La voce del popolare e pluripremiato “La Zanzara” di Radio24 domenica sarà a Trieste per correre la Maratonina Europea dei Due Castelli. “Sono venuto a Trieste già due anni fa per la Maratona – ha raccontato Cruciani – ed ho un ricordo fantastico. Quest’anno, dopo la 42 km di Roma dello scorso marzo, mi sono mantenuto in forma per tornare a Trieste e fare la mezza. L’organizzazione dell’evento è molto professionale e il percorso è unico. Voglio godermi lo spettacolo, correre gli ultimi 8 km lungo la Strada Costiera ed in centro città, con la testa lucida e le gambe che girano: sarà una bellissima scarica di adrenalina. Il mio personale sulla mezza è di 1h 35′, ma correrò per godermi la cartolina di Trieste e se poi verrà anche il tempo sarò ancora più contento”.
“La corsa – aggiunge Cruciani – è uno stile di vita che ti permette di stare meglio con lo spirito e pensare. Sin da piccolo ho sempre avuto la passione per l’atletica e per la corsa in generale, appena ne avevo l’occasione giravo l’Europa per assistere alle più importanti competizioni. Lavorando ho dovuto rallentare i miei ritmi di allenamento, ma negli ultimi 15 anni ho ripreso a correre con costanza e serietà. E quindi, adesso, posso dire: Trieste, arrivo!”
QUANDO LO SPORT CORRE A SOSTEGNO DEL SOCIALE – La Nuova Bavisela è anche occasione per raccogliere fondi a favore del mondo della ricerca. Nel Villaggio allestito sulle Rive cittadine, sono numerosi gli stand che promuovo iniziative e progetti come quello dell’Unione Italiana dei Ciechi e Ipovedenti e della Lilt, la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, che grazie alla Nuova Bavisela riceve una donazione dalle iscrizioni alla gara Family.
Successo anche per l’iniziativa “Medici di Corsa” promossa dalla pediatra Isa Amadi. 150 tra medici e infermieri domenica prossima, con una visibile maglietta di colore verde, prenderanno parte alle tre gare in programma. Il progetto consiste in un’azione di solidarietà attraverso la donazione del 50% della quota di iscrizione, che quest’anno servirà a sostenere il reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’IRCCS Burlo Garofolo di Trieste. “Siamo molto soddisfatti – commenta Isa Amadi – per come i camici bianchi hanno aderito a questo progetto che di anno in anno sosterrà economicamente diverse attività, volte all’assistenza medica per i bambini. Con la metà delle quote di iscrizione di medici e infermieri, gli organizzatori parteciperanno all’acquisto di strumentazione a favore del reparto, dove vengono ricoverati bambini prematuri”. 
La Nuova Bavisela è anche al fianco della partnership nata tra la illycaffè e Telethon. I partecipanti alla Maratona d’Europa riceveranno nel pacco gara un barattolo di caffè Illy e per ogni confezione consegnata ad un runner gli organizzatori doneranno a Telethon due ero. illycaffè e Telethon sono presenti al Villaggio Bavisela, dove tutti potranno partecipare alla raccolta di fondi per la ricerca scientifica, facendo una donazione in cambio di un barattolo di caffè. 
La Nuova Bavisela sostiene anche gli atleti disabili con l’iscrizione gratuita a tutte le corse di domenica.
I VOLONTARI, IL MOTORE DELLA NUOVA BAVISELA – La Nuova Bavisela può contare su un esercito di volontari e un’efficiente macchina organizzativa. Sono oltre 700 le persone che nelle giornate dell’evento lavorano per gestire gli atleti, i partecipanti alla non competitiva e per garantire la sicurezza sui percorsi.
Di questi: 100 sono gli addetti alle partenze e agli arrivi, 220 i volontari in forza alla Protezione Civile, 160 addetti daranno assistenza nei 9 punti di ristoro e nei 7 di spugnaggio dislocati lungo il percorso, mentre una cinquantina di persone dello staff all’interno del Centro Maratona Coop – Cooperative Operaie gestiscono le operazioni di iscrizione e il ritiro dei pacchi gara. La sicurezza, inoltre, è garantita anche dalle forze dell’ordine.
I numeri fanno ben capire la portata della Bavisela 2012: 2700 transenne, 3500 banane distribuite, quasi 23mila bottiglie d’acqua “Paradiso”, 3500 pastasciutte per il Pasta Party offerte dalle Coop agli iscritti di maratona e mezza, 2500 prodotti Enerkid per i bambini della Bavisela Young-Fondazione CRTrieste, 6mila litri di Enervit per i podisti, 1000 barattoli di illy per gli iscritti alla Maratona. 
Sul piano tecnico, nei giorni scorsi, i responsabili del percorso guidati dal direttore tecnico Paolo Giberna e dal vicedirettore sportivo, Spartaco Brizzi, hanno segnato i chilometraggi esatti della maratona e mezza maratona, effettuando le misurazioni necessarie per compensare i metri di differenza rispetto allo scorso anno, causati da alcune modifiche che la viabilità ha subito, come la nuova rotonda costruita a Sagrado. Il percorso, con il suggestivo ingresso in Piazza Unità d’Italia per il rush finale, è stato omologato secondo i parametri ufficiali Fidal e Iaaf.
78 ATLETI INSEGUONO IL GUINNESS IN WATERBIKE – Non solo running alla Bavisela, ma sport a 360 gradi. Il waterbike ha iniziato ufficialmente oggi alle 16 la corsa al Guinness dei primati nel bacino San Giusto. In occasione del ventennale della costruzione della celebre e pluripremiata bicicletta d’acqua triestina, l'”Ordegno”, realizzato dagli studenti della facoltà di Ingegneria Navale dell’Università di Trieste, il Trieste Water Bike Team tenta una nuova iscrizione nel Guinnes World Record per il maggior numero di miglia percorse da un natante a propulsione umana, con cambio di equipaggio nell’arco di 24 ore. Pedalare in acqua per 24 ore senza sosta richiede impegno, anche se è una “staffetta” a turni, tanto che sono 78 gli iscritti che pedaleranno sull’acqua fino alle 16 di sabato. Il più giovane in gara è Andrea Groppazzi, di 13 anni, ma partecipano anche il cestista Michele Mian e gli storici progettisti dell’Ordegno, Andrea Zamburlini e Marcello Ciola.
I ciclisti d’acqua sfideranno il Guinness anche in versione amarcord: molti degli sportivi che prendono parte alla gara, infatti, hanno guidato l’Ordegno per 20 anni negli specchi d’acqua di tutta Europa, inseguendo record e partecipando a gare tra studenti delle diverse università che si sfidano nella progettazione delle waterbike. Durante la prova verranno anche effettuati alcuni studi da parte di ricercatori della Facoltà di Scienze Motorie dell’Università di Verona, che riguardano il comportamento del corpo umano dal punto di vista meccanico e metabolico quando è sottoposto a questo tipo di sforzo. L’iniziativa è anche collegata a un’operazione di beneficenza a favore della Fondazione Luchetta Ota D’Angelo Hrovatin.
Lungo il campo di gara, nel Bacino San Giusto, hanno preso posizione anche i rilevatori ufficiali del Guinnes dei primati, tedeschi e italiani, e per misurare con esattezza i tempi segnati sull’Ordegno è stato montato un gps. La 24 ore si concluderà domani alle 16 e alle 19 verranno effettuate le premiazioni nell’ambito del Villaggio Bavisela.
I CONSIGLI DI BALDINI: DOMANI AL SAVOIA APPUNTAMENTO ALLE 15 – Stefano Baldini, oro olimpico ad Atene del 2004 e tra i più grandi interpreti della maratona degli ultimi anni, sarà domani a Trieste dove, alle 15 al Savoia Excelsior Palace Hotel, incontrerà fans, sostenitori e molti appassionati per raccontare la propria storia di atleta, ma soprattutto di appassionato della corsa. “Ho cominciato già da ragazzino – anticipa Baldini – a partecipare ad ogni tipo di corsa su strada, ma quello che mi piace evidenziare è che provengo dall’ambiente amatoriale. Nella corsa per arrivare ad alti livelli non bisogna essere dei superman da piccoli, è importante l’allenamento, la costanza, la dedizione e la testa”. Stefano Baldini, testimonial di lusso della Nuova Bavisela e runner di primo piano della Maratona d’Europa, è prodigo di consigli anche per chi affronta per la prima volta i 42,195 km: “Una buona colazione, buoni pensieri durante la corsa, idratazione, idratazione e ancora idratazione. Correre in progressione senza lasciarsi trasportare dalla foga della partenza. E divertirsi. Unico modo per voler ogni giorno tornare a correre”.
CONTINUANO SENZA SOSTA LE ISCRIZIONI AL CENTRO MARATONA, MOLTI GLI STRANIERI – La Bavisela 2012 si conferma come un evento sempre più internazionale. Per quanto riguarda la Maratona d’Europa gli stranieri più numerosi arrivano dalla Slovenia (54,) seguiti da Austria (34), Francia (28), Croazia (24), Germania (20), e ancora podisti si sono iscritti da Brasile, Canada, Danimarca, Giappone, Gran Bretagna, Inghilterra, Kenia, Macedonia, Marocco, Olanda, Polonia, Romania, Russia, Serbia Singapore, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svizzera, Turchia, Ucraina, Ungheria, Stati Uniti.
Tra gli iscritti tante le storie di stranieri che hanno scelto Trieste per partecipare alle corse o che hanno abbinato la gara a una vacanza in Europa, come Katherine e Andrew Harris, da Chicago, giunti nel pomeriggio al Centro Maratona per iscriversi, correranno la maratona e hanno scelto il capoluogo giuliano perché stanno facendo un viaggio in Italia e hanno sentito della manifestazione. (foto dei due in allegato, di solito il Piccolo li voleva subito gli anni scorsi)
Per quanto riguarda la Maratonina Europea dei Due Castelli, oltre agli italiani, i Paesi più rappresentati sono Austria (153) e Slovenia (148), ma sportivi sono in arrivo anche da Albania, Canada, Croazia, Danimarca, Etiopia, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Macedonia, Montenegro, Norvegia, Nuova Zelanda, Olanda, Polonia, Repubblica Ceca, Repubblica Sud Africa, Romania, Serbia, Singapore, Slovacchia, Spagna, Svizzera, Ucraina, Ungheria, Stati Uniti e Venezuela.
Sul fronte degli italiani poi per la Maratona d’Europa la regione più rappresentata è in Friuli Venezia Giulia con 226 iscrizioni, seguita dal Veneto con 99 e dalla Lombardia con 73. Per la Maratonina dopo il Fvg (1207) troviamo il Veneto (251) e l’Emilia Romagna (56).
Per la Family non competitiva infine crescono i gruppi numerosi oltre i 50 iscritti, gli ultimi in ordine di tempo sono l’Allianz (117), l’Azienda Sanitaria Triestina (220), il Cus (80) e l’Athletic Club (57), che si aggiungono ai Donatori di Sangue (249), da Unicredit (160), Regione Fvg (151), Associazione Benessere (112), Generali (95), Sissa (80), scuola Duca d’Aosta (79), Palestra World (70), Unicef (69), Istituto Deledda (54), Lussarissimo (54) e Melara (53).
Iscritti alla Family anche le case di riposo Itis e Jeralla, gli operatori delle due strutture accompagneranno sul percorso gli ospiti con dei gruppetti organizzati.
ZUMBA IN BAVIELA: GRANDE SUCCESSO - Per la prima volta la Zumba, disciplina che sta spopolando da qualche anno in tutto il mondo, un mix di aerobica e passi dai ritmi latino-americani, arriva alla Bavisela, con un evento che ha coinvolto nel pomeriggio circa 150 persone nella zona del palco allestito sulle Rive, all’interno del Villaggio Bavisela. A proporre l’appuntamento la palestra World di via Cumano, che ha fatto scatenare non solo chi frequenta abitualmente le lezioni, ma anche il pubblico presente. Un’ora di ballo e musica, a cura delle insegnanti della World, che ha divertito adulti e bambini.

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>