Cronaca — 13 settembre 2009

Vince la Running club Futura la quattordicesima edizione della staffetta 12 per un’ora svoltasi alle terme di Caracalla,trofeo Acsi Campidoglio memorial Alberto Rizzi. Ben 487 giri mentre al secondo posto con 453 giri la Roma Road Rrunners, terzi i Bancari Romani.Per le donne si è imposta la Cat sport con 363 giri e al secondo posto la scavo duemila mentre al terzo  i bancari romani guidati dal presidente Laura Duchi. Settantanove le squadre partecipanti e proprio con il pettorale 79 Erminio Pambianchi  dell’Avis, da solo, in dodici ore ha percorso 144 giri alternando corsa a camminate  defaticanti per l’intera durata della staffetta. In gara anche una squadra di consiglieri comunali,insieme centrodestra e centrosinistra per amore dello sport e della solidarietà, guidata da Alessandro Cochi, delegato allo sport del comune di Roma.  Ancora una volta il successo di questa manifestazione, ormai diventata una tradizione importante nel panorama podistico romano, la presenza in pista di ben 79 squadre per un totale di 848 atleti! Durante la giornata, a sottolineare lo spirito goliardico della manifestazione, distribuzione di prodotti tipici dei castelli  romani, i prodotti del parco, con funghi di Lariano cucinati sul posto. Ben 4000 piatti di pasta distribuita gratuitamente  e preparata sul posto dal’associazione sportiva Mediterranea; la partecipazione banda musicale di Rocca Priora che alle diciotto ha intonato il silenzio fuori ordinanza per ricordare Alberto Rizzi, medico del pronto soccorso dell’ospedale di Ostia deceduto tragicamente 14 anni fa mentre percorreva in bicicletta la Via Ardeatina. La manifestazione è dedicata a tutti gli atleti scomparsi durante la pratica sportiva.Tre squadre di nipoti di Alberto e poi campionato italiano dell’Acsi.Per il prossimo anno,federazione permettendo, la dodici per un’ora dello stadio Nando Martellini delle terme di Caracalla, diventerà vero e proprio campionato italiano di specialità .aaaprticolare successo  per la gara dei bambini con circa 100 partecipanti nelle specialità del vortex,corsa piana,tutti a piedi nudi per iniziare a ricordare l’inpresa di Bebele Bikila che vinse proprio a piedi nudi la maratona di Roma 1960 ,iniziativa che organizzata dall’associazione Castello con lo slogan ‘i diritti dei bambini di tutto il mondo nello sport’,continuerà nei prossimi anni.

Autore: Cs – Luca Montebelli

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>