HOME PAGE Maratone e altro — 05 gennaio 2012

Autore: Franco Anichini –

Giunti alla fine di un anno solare, come di consueto, si tirano le somme statistiche degli avvenimenti di maratona, ricordando però che nessuna statistica potrà mai soppiantare le emozioni che una intensa annata ha saputo regalare agli appassionati.
In questo primo bilancio di fine 2011 ci soffermiamo sul lungo elenco dei vincitori di tutte le maratone disputate nel mondo.
Si tratta di 2437 maratone, organizzate in 123 nazioni e territori diversi.
Già questo primo dato numerico è significativo, in quanto conferma la globalità del “fenomeno maratona”. Accanto alle grandi Nazioni, infatti, notiamo come maratone si sono organizzate e corse anche in minuscoli Stati, come ad esempio il Liechtenstein, ed in territori spersi in mezzo all’Oceano, come le Isole Marianne del Nord.
Analizzando i dati, per chi avesse la pazienza di farlo, possiamo notare che le nazioni che organizzano di più sono gli Stati Uniti, con  656 gare (alcune delle quali “trail”), seguiti dalla Germania (191), Gran Bretagna (153), Danimarca (142), Finlandia (108), Korea (101). La nostra Italia si difende più che bene con 78 gare organizzate, nonostante la sparizione di alcune manifestazioni.
Vi sono alcune piccole nazioni, come Finlandia, Danimarca, Olanda ed anche Korea (che piccola non è), che figurano in lista con un gran numero di corse. Ma se andiamo a vedere il preziosissimo dato relativo al numero di arrivati, ci accorgiamo che in gran parte si tratta di gare con pochissimi arrivati e con vincitori pressochè fissi. La spiegazione è che si tratta di gare sì ufficiali, ma praticamente partecipate solo da un ristretto e pressochè fisso numero di appassionati.
Un fenomeno rilevante è invece la variante britannica delle “Coastal Series”. Si tratta di gare sulla distanza classica di maratona, sia pure approssimativamente misurata, che hanno la caratteristica di svolgersi lungo le coste, spesso scoscese, della grande isola britannica. Si corre fra spiagge e sentierini praticamente di montagna, che si dipanano però a mezza costa, in faccia all’Oceano. La formula incontra un crescente favore fra i podisti, ed il numero di gare organizzate cresce di anno in anno.
Adesso alleghiamo il tabellino delle gare che hanno fatto registrare il maggior numero di arrivati, limitato a quelle che hanno superato quata 10.000

 

Le maratone più numerose

1 46536 New York Ny New York City Usa 06 novembre    
2 35670 Chicago Il Bank of America Usa 09 ottobre    
3 34688 London Virgin London Gbr 17 aprile    
4 33328 Tokyo Tokyo Jpn 27 febbraio    
5 32977 Berlin BMW Berlin Ger 25 settembre    
6 31133 Paris Paris International Fra 10 aprile    
7 26175 Osaka Osaka International Jpn 30 ottobre    
8 23879 Boston Ma MAA Boston Usa 18 aprile    
9 20895 Washington Dc Marine Corps Usa 30 ottobre    
10 20103 Kobe Kobe International Jpn 20 novembre    
11 19739 Los Angeles Ca Honda Los Angeles Usa 20 marzo    
12 19078 Honolulu Hi Honolulu Usa 11 dicembre    
13 19000 Chunchon Chosun Ilbo Kor 29 ottobre    
14 15470 Stockholm Stockholm Swe 28 maggio    
15 15343 Singapore Sundown Sin 04 dicembre    
16 15278 Oiso Shohan Jpn 03 novembre    
17 13512 Orlando Fl Walt Disney Usa 09 gennaio    
18 12611 Roma Acea Roma Ita 20 marzo    
19 12564 Barcelona Maratò Popular Esp 06 marzo    
20 12438 Frankfurt CommerzBank Ger 30 ottobre    
21 11245 Dublin Dublin Irl 31 ottobre    
22 11185 Hamburg Haspa Hamburg Ger 22 maggio    
23 10082 Philadelphia Pa Philadelphia Usa 20 novembre    

 

Si tratta di ventitre manifestazioni, ben otto delle quali si svolgono negli Stati Uniti. Fra queste figura anche l’unica italiana, la gloriosa maratona di Roma, al diciottesimo posto con 12611 arrivati.
Chiariamo, per completezza d’informazione, che il numero degli arrivati è quello ufficiale rilevato dagli ordini d’arrivo, e non quello comunicato dagli organizzatori, che hanno la tendenza a gonfiare le cifre. Quando non è stato possibile consultare l’ordine d’arrivo completo, la gara non viene quotata. Questo porta, probabilmente, ad escludere alcune manifestazioni, in specie orientali, a causa anche della difficoltà di accedere ai dati.
In un prossimo articolo analizzeremo invece le liste mondiali individuali, con una doverosa postilla per quelle italiane.

Buona lettura.

Winner 2011: per Nazioni: da
da – Aland (Finland)  a Ecuador  leggi
da – Egypt a Israel leggi
da – Italia a Mexico leggi
da – Mongolia a Tanzania leggi
da –
Thailand a Usa leggi

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>